domenica 11 settembre 2011

Lo splendore nei capelli - Shampoo delicato fatto in casa

I capelli sono certamente i rivelatori più infallibili nel denunciare le effettive condizioni di salute dell'organismo di cui fanno parte, le sue abitudini e perfino la sua personalità. Simbolo di giovinezza, vitalità e libertà essi sono la spia anche dell'età. ed è forse questo il motivo che spinge, più di ogni altro, ciascuno di noi ad averne cura,
Qui di seguito riporto un piccolo decalogo per la cura ed il benessere della nostra chioma:
IL DECALOGO DEI CAPELLI
1) Non trascurare l'igiene
2) Non spazzolare troppo energicamente
3) Limitare le esposizioni al sole
4) Sciacquare i capelli dopo ogni bagno di mare o piscina
5) Massaggiare regolarmente la cute
6) Seguire un'alimentazione sana
7)Curare le piccole anomalie prima che diventino gravi
8) Evitare le diete drastiche
9) Limitare gli zuccheri e l'alcool
10) Non eccedere con gli shampoo!
Detto questo, passiamo ora, a soffermarci sulla cura ed igiene del capello con dei rimedi naturali che la nostra amata Natura ci offre!
Iniziamo dallo shampoo!
Fino all'inizio di questo secolo le giapponesi, famose in tutto il mondo per le loro chiome folti e fluenti, usavano pulire i loro capelli con tuorlo d'uovo, oli vegetali, farina di riso e polvere di soia. Con queste sostanze massaggiavano il capo! Oggi le materie prime d'uno shampoo qualunque (non considerando la componente chimica e nociva) rimangono inalterate:
- un pò d'amido (preferibilmente di cocco), per ridimensionare la schiuma, per dare corpo al preparato e veicolare gli altri ingredienti;
- una sostanza sgrassante di natura strettamente vegetale
- un'essenza profumata
- una proteina
- una sostanza specifica (erba, fiori, germogli diversi a seconda delle necessità)
- un pizzico di sale
Prima di ogni shampoo bisognerebbe provvedere ad una spazzolatura che elimini polvere e residui di lacca o gel. Dopo si bagneranno i capelli con acqua tiepida; quindi si verserà sul capo una dose di preparato sciolta in poca acqua tiepida e si inizierà a massaggiare la cute, dolcemente, infilando le dita tra i capelli ed insistendo coi polpastrelli.I capelli vanno lavati adoperando poco shampoo e sciacquandoli sotto un debole getto d'acqua tiepida e, sarebbe meglio non pettinarli bagnati, perchè sono più vulnerabili. I risultati di uno shampoo non potranno essere soddisfacenti se si ha l'abitudine di investire i propri capelli con getti d'acqua troppo violenti o troppo caldi; se non si avrà avuto cura di sciogliere preventivamente, come già detto, la giusta dose di prodotto in poca acqua tiepida; se non si completerà l'operazione con un sufficiente risciacquo; se l'acqua sarà dura!!!
Per ovviare a quest'ultimo problema (considerando che le nostre acque sono piene di calcare), possiamo ripiegare su qualunque tipo di acqua minerale naturale, sicuramente esente da calcare e scorie, da adoperare da fredda solo per l'ultimo risciacquo!!! Pare, infatti, che un'ultima dose d'acqua fredda, dopo lo shampoo ed il risciacquo tiepido, assicuri una particolare lucentezza ai capelli.
E' risaputo che, talvolta, è opportuno cambiare shampoo, a seconda della stagione, del variare dell'ambiente e dello stato di salute.
Uno shampoo casalingo, capace di rispettare qualunque tipo di capello è il seguente:
SHAMPOO DELICATO
- 15 g di radice secca di saponaria (reperibile in erboristeria)
- 500 g di acqua distillata o idrolato puro
- 1 manciata di foglie di ortica
- 2 rametti di rosmarino
- 1 presa di fiori di sambuco o in alternativa 1 presa di fiori di camomilla (per capelli biondi)
Triturare la radice di saponaria, immergerla nell'acqua raccolta in un pentolino e farla sobbollire a lungo, con le erbe. Filtrare ed adoperare tiepido, come qualunque shampoo.
Anche in questo caso, ogni erba ha il suo "potere" medicamentoso, per cui elencherò alla meglio alcune piante capaci di migliorare la vita e l'aspetto della capigliatura:
ABETE (foglie): disinfettante del cuoio capelluto e stimolante della crescita dei capelli
ACERO (corteccia): cura gli arrossamenti ed il prurito del cuoio capelluto
ACETOSELLA (foglie fresche): come sopra
AGRIMONIA (pianta fresca frullata): decongestionante
AILANTO (corteccia): combatte l'untuosità dei capelli
ALLORO (foglie): antisudorifero
ARGENTINA (pianta intera): antinfiammatorio del cuoio capelluto
ASFODELO (radice): come sopra
BIANCOSPINO (corteccia): detergente dei capelli e del cuoio capelluto
BORRAGGINE (fiori e foglie): lenitivo del cuoio capelluto
BRUGO: come sopra
CAGLIO: come sopra
CALENDULA (fiori): ammorbidente dei capelli
CAMOMILLA (fiori): per schiarire
CASTAGNE (frutti): per dare riflessi dorati ai capelli chiari, rendendoli lucidi e setosi
CENTAUREA: come sopra
EDERA (foglie fresche): rende più scuri e lucidi i capelli castani
ELIOTROPIO: antirritante del cuoio capelluto
ENULA: come sopra
LIGUSTRO (foglie): rinfrescante del cuoio capelluto
LINGUA DI CANE: combatte l'eccessiva untuosità dei capelli grassi, dando loro morbidezza
NOCE (mallo verde): per scurire i capelli al primo incanutimento
QUERCIA (foglie): sgrassante dei capelli untuosi
La cura e l'igiene dei capelli non finisce  con lo shampoo! Anzi!!!! E' solo l'inizio!!!! Perchè per avere capelli curati e splendenti bisognerebbe ricorrere agli impacchi, ai massaggi, ai balsami, alle lozioni, alle frizioni, agli strumenti adatti e soprattutto ad un'alimentazione ricca di vitamine e sali minerali. Essendo, l'argomento, piuttosto lungo da trattare in un solo paragrafo, mi riservo di postare in seguito, i rimedi semplici e naturali adatti per ogni tipo di capelli.


 .

79 commenti:

  1. Ciao Lalla, complimenti per il tuo blog, tutti gli articoli sono molto interessanti!!! e tanti complimenti delle foto!!!

    RispondiElimina
  2. Ciao Lalla, era proprio quello che cercavo....una cosa semplice da fare in casa e che non aggredisse i miei capelli.
    A proposito cosa è un idrolato puro?
    Miky

    RispondiElimina
  3. Ciao Miky
    innanzi tutto grazie per i complimenti!
    Dell'idrolato ne parlerò in un post, spiegando cosa è, come si ricava e quali sono le sue proprietà.
    Ora in breve posso solo dirti che è un'acqua distillata floreale o comunque ricavata da alcune piante con il sistema di corrente di vapore.

    RispondiElimina
  4. ciao,
    mi piacerebbe realizzare uno shampoo in casa da poter poi conservare dentro bocciette in plastica riciclando quelle utilizzante per lo shampoo tradizionale. Conosci una ricetta che fa al caso mio che magari eviti l'utilizzo di uovo che rischia di deteriorarsi troopo facilmente?

    RispondiElimina
  5. Ciao
    Bisogna vedere che tipo di shampoo vuoi, nel senso che le opzioni sono due: uno shampo che contenga tensioattivi necessita di alcune materie prime che si possono acquistare presso alcuni siti che la maggior parte di voi conosce. Questo tipo di shampoo è molto simile a quelli commerciali più per il suo aspetto che per il suo contenuto. Ci vuole un pò di dimestichezza e chiunque può prepararlo in casa.
    La seconda opzione è quella di utilizzare solo ed esclusivamente erbe, infusi, mucillagini ed aceto....ingredienti di facile reperibilità. Questo tipo di shampoo, naturale al 100% non contiene tensioattivi, per cui non fa la classica schiuma, ma nonostante questo è comunque sgrassante e funziona come un qualunque shampoo. L'unica pecca è che se sino ad ora abbiamo usato degli shampoo commerciali, i nostri capelli devono disintossicarsi da siliconi e sostanze chimiche, per cui questo shampoo naturale inizialmente sembra che non lasci dei bei capelli, ma passato almeno un mese di trattamento la nostra chioma riprende il suo splendore in quanto si è liberata da quelle schifezze chimiche e si è abituata ad un nuovo prodotto tutto BIO!
    Quindi fammi sapere quale è la strada che tu vuoi seguire e se sarà nelle mie facoltà sarò lieta di indicarti eventuali soluzioni da preparare in casa per riempire i tuoi contenitori riciclati.
    Un saluto
    Lalla

    RispondiElimina
  6. Buongiorno cara!!! Finalmente eccomi seduta a scriverti dei miei esperimenti bio (più o meno riusciti!!!)hahahh
    Allora ho necessità di un tuo consulto: ho fatto uno shampoo decisamente alternativo miscelando un cucchiaio colmo di farina di ceci con 200 ml d'acqua,2 cuchiai d'aceto.
    Il risultato è stato soddisfacente ma vorrei rendere un pò più cremoso questo intruglio troppo liquido...che mi suggerisci???
    Aspetto tue notizie!!! baciiiiii kenya

    RispondiElimina
  7. Ciao Kenia
    allora se vuoi rendere un pò più consistente il tuo shampoo le alternative sono due e cioè: la prima è che al posto dell'acqua potresti utilizzare le mucillagini dei semi di lino. Poni un sacchettino, o un calzino pulito con i semi in un ciotolino pieno d'acqua e porta a bollore. Spegni e lascia raffreddare il tutto. Nel frattempo si forma un gel che puoi utilizzare al posto dell'acqua.
    La seconda alternativa è quella di procurarti un sapone neutro, puro di Marsiglia, ne grattugi un pò e lo diluisci con acqua; le proporzioni possono essere 1:4 cioè per 100 g di sapone usi 400 g di acqua. Lo lasci per una notte intera ed il giorno dopo se non si è completamente sciolto puoi scaldarlo appena un pochino sul fornello. Con questa soluzione puoi sostituire l'acqua del tuo preparato.
    Spero di esserti stata utile.
    Un bacione
    Lalla

    RispondiElimina
  8. Grazieeeeeeeeeeeeeee!!! Kenya

    RispondiElimina
  9. Ma di che???? comunque tesoro mio ti sto preparando un pacchettino per Natale niente male ahahahahahaha

    RispondiElimina
  10. nuooooooooooooooooooooooooooooooooo...aspetto ansiosamente!!!

    RispondiElimina
  11. Ciao Lalla,complimenti!!!!! Ormai non uso più i vari shampo di grande distribuzione o profumeria ma uso Lavera ,che compro da Naturasi,ma sono scontenta perchè ho i capelli orripilanti e sembra che volano a rallentatore e cosi disidratati .Vorrei una ricetta di uno shampoo fatto in casa e balsamo. Che altro mi consigli? Grazie

    RispondiElimina
  12. Ciao Ivana, io negli ultimi tempi sto usando uno shampoo prodotto da sapone fatto da me e poi successivamente diluito ed alterno questo tipo di shampoo allo shampoo a secco. Come balsamo ormai è da tempo che faccio uso del gel ricavato dai semi di lino con l'aggiunta di poche gocce d'olio vegetale. Ora avrei bisogno di sapere che tipo di capelli hai per poterti consigliare uno shampoo adatto....fammi sapere ok?
    Lalla

    RispondiElimina
  13. Carissima Lalla,
    Sono tanto pasticciona che non trovavo dove avevo messo la mia domanda sui problemi dei miei capelli e ero ansiosa per la tua rapida risposta. Oggi finalmente l'ho ritrovata ma
    non ti mettere a ridere che già rido io per tutte e due!
    Dunque se uso uno hampoo molto leggero per uso quotiditiano (mi lavo sempre al massimo una volta alla settimana) sembra che il mio capello odia il sapone,infatti il risultato è un capello anemico. Comunque ho un pò di capelli bianchi,usavo una tinta vegetale che compravo in una erborista ma dentro vi sono anche ingredienti chimici cosi da un pò di tempo uso l'hennè mischiato rosso puro con quello nero.Ho i capelli castani e mi piacerebbe usare l'hennè castano tipo le buccie di castagne ma non so se si può fare e se copre.Sarebbe stupendo!
    A proposito ti spiace se ti pongo qui altri argomenti ,come l' oleolito di ginseng la pianta non la trovo nelle erboristerie e cosi purtroppo anche per la resina di benzoino. Assurdo perchè abito in una grande città come Roma.Forse ho trovato le erboristerie sbagliate.A proposito posso avere la ricetta per fare l'oleolito di limoni?
    Vedi Lalla,tu sei una bellissima persona e sempri tu una magica fata che vuoi darci la possibilità di donarci i segreti di bellezza della natura per non avvelenarci con la cattiva chimica!!!!
    Grazie di essere cosi e forza continua cosi!!!!
    Ti auguro con tutto il CUORE di un bellissimo 2012!!!!!
    Un bacio

    RispondiElimina
  14. Ciao Ivana
    innanzitutto ti auguro un meraviglioso anno nuovo e poi mi scuso se non ho risposto subito, ma non ero in sede quindi ora eccomi qua.
    Allora per i capelli castani le erbe coloranti che puoi utilizzare sono: alloro, prezzemolo, foglie di noce o anche mallo di noce, hennè. Le castagne sono più indicate a donare riflessi chiari a chi ha i capelli biondi.
    Se vuoi fare il classico impacco all'hennè puoi utilizzare quello castano da mescolare insieme ad una buona tazza di caffè (ricavato con la moka)e ad una bella manciata di polvere di mallo di noce. Fai la solita pappetta e la tieni in posa per almeno 2 ore. Poi sciacqui con un buon decotto di foglie di alloro.

    Per il ginseng ed il benzoino mi sembra davvero starno che non le hai trovate. Magari potresti acquistarle da qualche sito specializzato, ma secondo me con un pò di impegno riuscirai a trovare anche l'erboristeria che può procurarti questi preziosi ingredienti. Io nel frattempo chiederò a qualche mia amica di Roma dove ci si può rivolgere per avere queste erbe.

    L'oleolito di limoni è semplicissimo da fare anche perchè ora è il momento opportuno visto che la natura ci offre questi preziosi agrumi.
    Devi sbucciare i limoni e dalle bucce dovresti riuscire a togliere la parte bianca (aiutati con un pela patate). Ricopri le tue bucce con abbondante olio (girasole, vinaccioli, oliva ecc. quello che preferisci) e lascia macerare almeno per 15 giorni al buio e fresco. Ricordati che il barattolino lo devi scuotere spesso per evitare che si formino delle muffe. Passato il periodo di macerazione puoi filtrare con un tovagliolino di cotone e strizza leggermente le bucce per far fuoriuscire gli oli essenziali. Chiudi la bottiglia ermeticamente ed avrai il tuo oleolito pronto all'uso.
    Spero di esserti stata utile e se hai altro da chiedermi fallo pure....appena posso sarò lieta di risponderti.
    Un bacio
    Lalla

    RispondiElimina
  15. salve,
    l'estratto di radice di ginseng si può trovare da Dragonspice, on-line, è il prezzo più ragionevole che ho visto finora. Il benzoinod el siam non l'ho ancora trovato, ma mi ripropongo di guradare sul sito dell'erboristeria SLUS IN HARBIS, per chi è di Roma, può andarci direttamente, si trova alla fermata della metro Furio Camillo.
    Complimenti alla mia amica Lalla! E' un drago!

    RispondiElimina
  16. http://www.salusinerbis.it/ questo è il link dell'erboristeria. Scusate il nome corretto è : SALUS IN ERBIS

    RispondiElimina
  17. Domani andrò in erboristeria a procurarmi le erbe per i capelli e senzaltro ti farrò sapere. E' il minimo che posso fare visto la tua gentilezza.
    Infatti questo periodo è stupendo per i limoni.Ora
    preparo subito questo benedetto oleolito di limoni.
    Grazie di nuovo!!!!!

    RispondiElimina
  18. Grazie Alex,
    Per questa informazione che finora ho fatto la trottola per trovare quei prodotti!
    Un saluto

    RispondiElimina
  19. Grazie Alex....sei il mio braccio destro!!!!
    Ivana come vedi qui ci diamo da fare tutte insieme per aiutarci l'un l'altra.
    Un bacio
    Lalla

    RispondiElimina
  20. Ciao Lalla,sono cosi contenta di avere trovato la resina di benzoino e la radice di ginseng grazie ad Alex,per la sua segnalazione di questa erborista che non conoscevo affatto.
    Con l'entusiasmo di una bambina
    \ (ma non lo sono più da un secolo anche se il mio spirito è rimasto infantile) ho raccontato alla titolare dell'erborista dei tuoi consigli e la segnalazione di Alex.
    Per quando riguarda i capelli sono migliorati con l'impacco di castano anche se non è coperto 100xcento ma penso che se insisto con ogni shampoo a fare questo impacco magari la coprirà meglio. Tu che dici? poi è una manna il balsamo ai cristalli di lino!!!
    Tra poco comincio a fare l'oleolito di benzoino come conservante della crema.Pensi che è meglio se l'oleolito lo preparo concentrato,cioè poco olio in proporzione ? Sbaglio? Quante gocce in una crema da 100gr....?
    Grazie!Buona serata!
    Un bacio

    RispondiElimina
  21. Ciao Alex ,ha ragione Lalla,sei il suo braccio destro!
    Grazie di nuovo!
    Buona serata

    RispondiElimina
  22. Ciao Ivana, sono strafelice che tu sia riuscita a trovare questi ingredienti e che i tuoi capelli stiano migliorando notevolmente. Vedrai che alla lunga, l'impacco di castagno coprirà....basta avere pazienza perchè si sa che con i prodotti naturali ci vuole un pò più di tempo. Mentre per quanto riguarda i semi di lino, questi danno soddisfazioni immediate!!!!
    Per il benzoino io generalmente mi regolo a cucchiaiate cioè: 2 cucchiai abbondanti in circa 500 ml di olio e cuocio a bagnomaria per lungo tempo e sempre rimescolando. Alla fine vedrai che rimarrà solo una nocciola in fondo al barattolo; la prelevi e la poni in un altro contenitore ricoprendola di alcool puro. L'olio di benzoino che avrai ottenuto non è fortissimo, per cui puoi usarlo come conservante ad una percentuale del 10%. Altrimenti puoi utilizzare quello che scioglierai in alcool...ed a quel punto potrai unire 16/18 gocce di tintura alcolica di benzoino nelle tue creme sostituendo così un conservante di tipo sintetico. Ma mi raccomando, prima dell'uso fai sempre un piccolo test sulla pelle, magari all'interno del braccio o polso ok??? Se hai difficoltà fammelo sapere perchè sarò lieta di darti una mano....anche se virtuale.
    Un abbraccio
    Lalla

    P.S. Alex è un fenomeno!!!!

    RispondiElimina
  23. ma queste ragazze con tutti questi complimenti ci fanno commuovere! grazie! :)
    Lalla è un portento e la adoro, perchè la pensa proprio come me: non si diletta come il piccolo chimico in cremette pseudo-ecobio scimmiottate da altri forum, ma si documenta sulle piante e le loro proprietà e cerca di sperimentare nuove soluzioni! Sempre usando il buon senso e documentadosi prima, ritengo che sia più utile sperimentare che ripetere soltanto ricette già precostituite....Se anche il prodotto ci verrà un po' meno bello ma cosa ci importa? l'importante è che funzioni!!!! Non bisogna avere paura : provate provate e riprovate. Ma prima documentatevi ;)

    RispondiElimina
  24. comunque...la radice di saponaria ancora non l'ho trovata, sigh! c'è qualcuno che l'ha trovata ad un prezzo ragionevole? in tal caso me ne comprerei dieci chili...

    RispondiElimina
  25. Alex la radice di saponaria pare che sia un pò difficile da trovare, ma ordinandola presso qualche "drogheria" dovresti averla con facilità....altrimenti chiederò alla mia adoratissima neuropata che gestisce appunto una erboristeria d'altri tempi e te la farò recapitare a domicilio ahahahahahah
    Lo sai che ogni tuo desiderio è un ordine ahahahahahah
    Ciao cara
    Lalla

    RispondiElimina
  26. Cara Lalla,grazie per la tu rapidità nel rispondere e la tua gentilezza !!!!Tu pensi che l'O.E.di benzoino è più efficace come il conservante dei cosmetici?
    A proposito ho letto la pagina su tutto l'argomento dei cosmetici naturali eco-bio,e mi ha resa molto felice sapere che non sono la sola a pensare come te e Alex.Che bello quando eri una bambina ,le amiche della tua mamma che usavano i cosmetici naturali.
    A proposito di quale sostanze parlate tu e Alex,che siete contrarie a certi prime materie dei vari forum ?
    Un bacio

    RispondiElimina
  27. Ciao Alex, L'altro giorno mi ero dimenticata di informarmi se l'erboristeria Salus in Erbis avesse la pianta secca della saponaria e dopo che ho letto il tuo commento sono corsa a tel e mi hanno detto che c'è l'hanno e cosi ti avverto .Come sono contenta per te e per me visto che serve ad entrambi
    Un bacio anche a te

    RispondiElimina
  28. Ciao Ivana, per quanto riguarda l'o.e. di benzoino non è che sia più potente dei conservanti che si mettono nei cosmetici, è solo che è più naturale essendo un'essenza ricavata direttamente dall'albero. Quindi, io per una mia filosofia, preferisco usare il benzoino anzichè per esempio il cosgard! Ovviamente il benzoino, come qualsiasi conservante potrebbe essere irritante, quindi consiglio sempre di fare un piccolo test sulla propria pelle.
    Poi per quanto riguarda le materie prime alle quali sia io che Alex siamo contrarie sono tutte quelle materie di origine sintetica o animale o comunque non ecocompatibili come per esempio il Carbopol (Carbomer), i parabeni, oppure l'alcol cetilico di origine animale!!! Per cui preferiamo usare ingredienti molto più naturali e che rispettano sia la nostra salute che quella del Pianeta che ci ospita. Noi preferiamo che i nostri piccoli cosmetici contengano ingredienti sani anche se questo va a scapito dell'estetica stessa del prodotto....ma come si suol dire "brutti ma buoni" ahahahahah E poi chi lo dice che le nostre creme siano più brutte di quelle commerciali??? ahahahahahah
    Ciao cara Ivana e per qualsiasi consiglio sai come fare ok?
    Buona serata
    Lalla

    RispondiElimina
  29. grazie Ivana, sei stata gentilissima. Ma tu abiti là vicino allora? io me la ordino on-line insieme ad altre cose perhè loro consegnano anche con il corriere, abito troppo lontana dal centro di roma!
    Perchè non vieni a trovarci su : http://naturaebellezza.forumfree.it/ è un forum-gruppo di amiche/i dove parliamod i cosmesi naturale e tante altre cose. ti aspettiamo ;)

    RispondiElimina
  30. Concordo con Lalla : le nostre creme sono BELLISSIME ♥

    RispondiElimina
  31. Ciao Alex,mi è dispiaciuto di non avere aperto il pc ieri sera ma ero arrivata molto tardi.
    Anche io non abito vicino all'erborista anzi è completamente dalla parte opposta di Roma.Ecco perchè non sapevo che esistesse.Avevo sempre cercata l'erborista più fornita ma nel cuore di Roma.Per essere più informata,tu di solito cosa ordini per posta on line a questa erborista Salus in Erbis? L'altro giorno ho domandato alla titolare cosa hanno come prime materie per la cosmesi fai da te naturale,mi ha fatto vedere il burro di cacao ma non mi piace perchè è deodorato e cosi facendo devono togliere l'originale profumazione del meraviglioso cacao.Sono convinta che per togierlo usano del solvente chimico. Ma è contro natura!Non sei d'accordo? Sono sicura che è d'accordo anche Lalla.Avevo pure provato nelle diverse pasticcerie che fanno la cioccolata,dicono sempre che non lo usano.Ma io non ci credo. Tu l'hai trovato per caso da qualche parte? E burro di karitè puro?
    Grazie di avermi invitata in naturabellezza.
    A domani.

    RispondiElimina
  32. carissima Ivana, da Salus non ho preso ancora prodotti on-line perchè le tre cose che ho acquistato ( benzoino, canfora ed oe di pino mugo) me l'aveva preso dalla Salus un'amica che poi me l'ha portate. On-line ho dato un'occhaita e ho visto che ci sono tante cose. Però occhio, la Salus non è conveniente come prezzi.....là ci prendo proprio quello che non trovo altrove!
    Il burro di cacao l'ho preso da Gisellamanske, è il tipo raffinato, è molto buono. Il burro di cacao marrone, quello che profuma di cioccolato, invece ce l'ha Aroma Zone, però è molto duro ed ovviamente colora di marrone, se lo usi nelle creme.
    Spero di esserti stata utile.
    Io e Lalla ti spettiamo nel forum :)

    RispondiElimina
  33. Grazie Alex, sei stata molto gentile e di avermi illuminata !!!!!
    In futuro non farò i sbagli grazie a te e a Lalla.

    RispondiElimina
  34. Ma quanto siete carine ragazze ahahahahahahh Mi piace questa cosa :-)

    RispondiElimina
  35. Anche voi ragazze siete tanto care e gentili!

    RispondiElimina
  36. Ciao Lalla,sono entrata nel tuo gruppo come principessa Ginevra. a suo tempo volevo gia cambiare il mio nome ma non ci sono riuscita a causa che non sono ancora esperta con il pc per mancanza di pratica e di tempo. Quel nome l'aveva scelto mia figlia studentessa per il facebook per i miei compagni di scuola storia ormai antica di 3mila anni fa.
    Un bacio

    RispondiElimina
  37. Wawwwwwww Ivana son proprio contenta...vedrai che ti troverai benissimo e potrai seguire più da vicino tutti i nostri post super aggiornati. Mi piace il nome che hai scelto....sarà perchè sono un inguaribile romantica ahahahahahah
    Ti abbraccio
    Lalla

    RispondiElimina
  38. Ciao, ho trovato oggi questo blog e mi piace molto! Sto cercando una ricetta per fare lo shampoo fatto in casa, sia perchè è più sano e naturale, sia perchè mi piace fare gli intrugli! :D Volevo sapere in generale come fare uno shampoo, quali ingrendienti inserire, e poi come modificarlo a seconda del tipo di capelli! Grazie mille!

    RispondiElimina
  39. Ciao Dioni, in realtà non è difficile preparare uno shampoo casalingo e di ricette ce ne stanno davvero a bizzeffe. Basta scegliere se usare un sapone autoprodotto per poi rilavorarlo a seconda delle proprie esigenze con opportune piante ed oli oppure fare uso di piante ricche di saponine con le quali puoi divertirti a creare uno shampoo ad hoc!!!!
    Quali delle due opzioni preferisci?
    Lalla

    RispondiElimina
  40. Se ti dicessi entrambe? Mi interessa molto e quindi non voglio escludere nessuna opzione :D Grazie mille!

    RispondiElimina
  41. Eccomi cara...scusa il ritardo della mia risposta, ma in questi giorni ho avuto veramente un gran da fare. Ok qualche ricetta per te ce l'ho!!! Scrivimi in pvt a flaviaorlando67@gmail.com e ti elencherò un pò di ricettine utili per i capelli.
    Buon sabato
    Lalla

    RispondiElimina
  42. ciao, vorrei a provare a realizzare lo shampoo seguendo la tua ricetta, ma volevo sapere se il sambuco e l'ortica sono secchi quindi acquistabili in erboristeria o se le piante devono essere fresche.
    Grazie 1000. flavia

    RispondiElimina
  43. Il sambuco e l'ortica li trovi facilmente in erboristeria ed in questi casi possono essere secche.
    Ciao e buon weekend
    Lalla

    RispondiElimina
  44. Ciao Lalla mi faccio di nuovo viva soltanto adesso perchè sono stata cosi impicciata da milioni di cose da fare. Tu avrai pensato,ma che fine ha fatto? Cosa mi racconti e che cose nuove hai fatto? A proposito ma risulta che sono entrata nel tuo gruppo o no? non ci ho capito nulla. Alex,mi aveva gentilmente invitata ad entrare nel vostro forum ma non ci crederai,non ci sono riuscita e sapessi di quanti tentativi ho fatto con la testardagine che mi ritrovo eppure ho dovuto accettare la sconfinta e con dispiacere.Voglio comunque ritentare in quanto mi piace molto questo forum banessere e bellezza naturale.
    A proposito un pò sono migliorati i miei capelli certo di strada ancora da fare é ancora tanta. Devo imparare a fare da sola lo shampoo autoprodotto e rilavolarlo secondo le mie esigenze . E' come hai risposto a Dioni.Posso usare il sito di Flaviaorlando? se è un si,come glielo chiedo?A proposito mia figlia ,sai come usa il balsamo di semi lino? prima il balsamo di Garnier e lascia in posa quelche minuto sciacqua e rimette il balsamo di semi di lino e li lascia in posa da 8-10minuti poi risciacqua. Gli ho domandato il perchè e mi ha risposto che pensa che da solo non c'è la fa a fare il suo lavoro come sa fare un classico balsamo perchè ha i capelli molto lunghi. Tu cosa avresti detto al posto mio?
    Grazie!!!! Ti abbraccio!

    RispondiElimina
  45. Vorrei provare a farmi questo shampoo, ma è adatto anche per uomo?

    RispondiElimina
  46. @Ivana, son contenta di rileggerti, ma come avrai notato anche io sono stata molto latitante negli ultimi periodi.
    Comunque spero di riprendere le mie attività da sperimentatrice e spignattatrice ahahahahah Certo che puoi accedera alla mia mail flaviaorlando67@gmail.com
    Per quanto riguarda tua figlia, ovviamente è ancora scettica circa i risultati, ma vedrai che col tempo si ricrederà....non forzarla....sarà un passo che farà da sola quando capirà che nei prodotti commerciali si nascondono dei grandi veleni per tutti noi!!!!
    Un abbraccio

    @Batteraio, provaci...è semplicissimo da realizzare e poi lo shampoo è unisex, quindi è adatto sia a uomini che a donne e bambini...vedrai che ti divertirà molto crearti il tuo shampoo personalizzato.
    Un saluto

    Lalla

    RispondiElimina
  47. Ciao, innanzi tutto complimenti, ho appena scoperto il blog e sembra fantastico. In merito a questo post però non mi è chiara una cosa: come e dove si conserva lo shampoo preparato? In frigo come già avevo fatto con un deodorante casalingo?

    RispondiElimina
  48. Mi ricollego alla domanda di Enrico:poso aggiungere l'oleolito o la tintura di benzoino come conservante alle varie preparazioni tipo lo shampoo,creme occhessoio?e un'altra domanda:siccome lo devo ancora comperare - e spero di trovarlo visto che non sto in una grande città - il benzoino,in olio o tintura,ha una sua profumazione?se si. più o meno com'è?
    Grazie x questo interessantissimo e utilissimo blog.mi riprometto di iscrivermi anche al forum Naturaebellezza.
    Ciaoooo Raffi

    RispondiElimina
  49. Buongiorno Lalla!Mi chiamo Rosanna e abito in Trentino.Sono capitata per caso sul tuo blog ieri sera, cercando notizie su come. preparare un shampoo naturale e mi son letta tutti i tuoi post... sei geniale!! Quella cosa delle mucillaggini dei semi di lino devo proprio provarla,poi mi é venuta la curiosità di sperimentare gli oli essenziali. Mi piacerebbe provare a fare quello di arancia o mandarino,dato che é il periodo, ma vorrei provare anche con la cannella perché il suo profumo mi fa impazzire! Tu avresti idea di come fare?ovunque ho letto si parla di estrazione con bagni di vapore dalla corteccia e mi sembra un po' complicato, anche per reperire la corteccia fresca. Con la corteccia essiccata che si trova in commercio si puó fare qualcosa?
    Si possono unire questi oli essenziali alle mucillaggini di lino per profumarle e anche conservarle, visto che sia la cannella che gli agrumi mi pare abbiano proprietà antibatteriche e conservanti? Poi vorrei sapere come usare questo balsamo di lino. Lo metto sui capelli dopo lo schampoo, lo tengo in posa e lo risciacquo o unge e i capelli devo lavarmeli dopo?
    Ti ringrazio se vorrai rispondermi e intanto grazie per il blog e per i tuoi consigli. Un abbraccio!

    RispondiElimina
  50. Cara Rosanna, innanzi tutto mi scuso per il ritardo della risposta, ma ho avuto un periodo di duro lavoro.
    Per quanto riguarda la cannella puoi tranquillamente utilizzare la corteccia secca per ricavare un ottimo idrolato, ma l'olio essenziale è davvero poco. Per gli agrumi invece non si possono estrarre a vapore ma solo con spremitura a freddo. Comunque gli oli essenziali di queste due piante puoi benissimo aggiungerli nel gel ai semi di lino, ma non conserverebbero affatto il composto perchè il suo alto contenuto di acqua prevede che venga adoperato un conservante apposito. Ma come ho consigliato ad altre persone puoi congelare in cubetti il gel ed adoperarlo all'occorrenza. Ne puoi fare due usi: puoi applicarlo come impacco pre-shampoo oppure come un vero e proprio balsamo che risciacqui dopo averlo tenuto in posa per alcuni minuti ed in questo caso non c'è bisogno di fare un ulteriore shampoo. Spero di averti aiutata.
    Un bacione
    Lalla

    RispondiElimina
  51. Ciao Lalla, sono Francesca e nuova del tuo blog per i quali ti faccio veramente i complimenti! Da pochissimo ho sposato l'idea bio nel preparare detersivi per la casa e ora mi interessa in particolar modo lo shampoo. Avrei necessità di preparare uno shampoo da poter conservare in quantitativi non esorbitanti, ma comunque importanti (tipo 5-10 lt). Inoltre, mi piacerebbe che avesse una consistenza abbastanza cremosa. Posso usare una base tipo farina di ceci, aceto e acqua poi variare gli oli essenziali a seconda del tipo di capello? Quanto tempo si conserverà lo shampoo così ottenuto?
    Ho letto che consegli di sostituire l'acqua semplice con "miscela di sapone mersiglia-acqua 1:4" per la "cremosità". Se uso 2 cucchiai farina di ceci,200 ml acqua posso sostituire quest'ultima quantità con 200 ml di "miscela marsiglia-acqua?(quindi 50gr marsiglia-200gr acqua?)" Ti ho fatto un milione di domande e non so se sono stata chiara ... grazie mille e ancora complimenti per il blog, Francesca

    RispondiElimina
  52. Cara Francesca, purtroppo le farine non consentono ad alcun preparato di conservarsi oltre i tre giorni in frigorifero per cui sono più adatte a shampoo estemporanei, cioè preparate e miscelate al momento di usarle.
    Invece se per esempio utilizzi un sapone auto prodotto, con lo sconto della soda opportuno, puoi diluirlo con acqua distillata o idrolato di rosmarino o salvia e ci puoi aggiungere qualche goccia di olio essenziale adatto sempre per i capelli. In questo modo avrai l'opportunità di avere uno shampoo che comunque possa durare un paio di mesi. L'unica difficoltà è che sciogliendo il sapone dopo circa 10 giorni si raddensa nuovamente nel flacone per cui è difficile tirarlo fuori.
    L'ideale sarebbe fare uno shampoo liquido direttamente partendo da ricette che richiedono l'idrossido di potassio anzichè la soda caustica....allora a questo punto avresti un vero shampoo cremoso come piace a te.
    Un'altra alternativa è quella di utilizzare i tensioattivi vegetali che vendono in vari siti con cui crearti lo shampoo simil-commerciale, ma del tutto naturale ed eco bio.
    Spero di averti aiutato in qualche modo, ma se hai ancora dei dubbi, rimango a tua disposizione.
    Buona giornata
    Lalla

    RispondiElimina
  53. Ciao Lalla, non appena andrò in erboristeria acquisterò la radice di saponaria;le altre erbe devono essere fresche o essicate? Sai è dapoco che midedico a queste cose, adesso oltre al sapone che mi appassiona proverò appena avrò tempo anche con lo schampoo. Ciao

    RispondiElimina
  54. Ciao Mirella, per questo shampoo puoi adoperare tranquillamente le erbe essiccate che troverai facilmente in erboristeria.
    Fammi sapere poi come è andata ok?
    Un bacio
    Lalla

    RispondiElimina
  55. Ciao Lalla!
    Mi sono imbattuta nel tuo blog cercando una soluzione per i miei poveri capelli e vorrei chiederti un consiglio: ho sempre avuto la cute piuttosto grassa (lavaggi max ogni 4 gg) e punte un po' secche a causa delle meches, i miei capelli sono sottili, man nonostante tutto, sono sempre stati sani e belli, con dei boccoli e dei riflessi da fare invidia.
    Poi ho perso peso rapidamente per via dello stress, si sono stirati e, nonostante tutte le mie cure, non sono più tornati belli come prima.
    L'acqua calcarea di Roma, lo smog e la vita movimentata non mi aiutano, sto usando uno shampoo Kerastase e una lozione a base di aloe per l'asciugatura, ma il risultato non è ancora quello che vorrei e inizio a vedere un pochino di forfora (cosa di cui non soffro). Hai qualche consiglio da darmi? Grazie in Anticipo!
    Liza

    RispondiElimina
  56. Ciao Liza
    la natura in questi casi ci offre molteplici alternative. Innanzitutto è inutile dire che le cure principali per i capelli iniziano dall'alimentazione o quanto meno dagli integratori multivitaminici tra cui non devono mai mancare il lievito di birra e le vitamine A ed E. Detto questo posso suggerirti di fare degli sciacqui con infuso di rosmarino, salvia ed ortica che oltre a rinforzare i capelli tendono a regolarizzare il sebo della cute affinchè non si formi la forfora. Poi è utilissima anche una lozione al peperoncino piccante che è un toccasana per i nostri capelli sottili. Per quanto riguarda gli impacchi, invece, potresti optare facendo bollire un paio di cucchiai di semi di Quinoa o Amaranto e filtrare....il liquido che ottieni lo puoi emulsionare con un cucchiaino di olio di semi di lino o ricino...agiti prima dell'uso e lo applichi prima dello shampoo specialmente sulle punte e poi procedi al comune lavaggio dopo circa 10/20 minuti. In ogni caso proprio in questi giorni voglio pubblicare un articolo che riguarda l'uso di alcune comunissime piante da utilizzare per i capelli. Nel frattempo dovresti però evitare gli shampoo che contengono siliconi e parabeni perchè peggiorano la situazione.
    Un caro saluto
    Lalla

    RispondiElimina
  57. Ciao Lalla... Volevo chiederti un consiglio... Io uso solo shampoo bio da tempo, ma spesso soffro comunque di dermatiti e prurito al cuoio capelluto, cosa potrei usare in sostituzione dello shampoo per alleviare questi problemi (ma che comunque mi aiuti a mantenere il mio capello lucente)??
    Specifico che ho i capelli molto fini, lisci, cute un po' grassa e li lavo un giorno si e uno no...
    Ovviamente senza spendere tantissimo... :)

    RispondiElimina
  58. Ciao Monica
    in realtà già uno shampoo Bio è un buon inizio, ma a volte anche questi contengono dei tensioattivi aggressivi oppure delle fragranze che potrebbero accentuare il problema del prurito.
    Personalmente uso l'hennè per dare corpo e lucentezza ai miei capelli perchè anche io li ho sottili e secchi e tendono molto spesso a diventare opachi. A differenza tua, li posso lavare una volta a settimana per non sfribrarli ulteriormente.
    Comunque per tornare alla tua domanda posso dirti di continuare col tuo shampoo, ma magari potresti utilizzare in concomitanza anche delle lozioni fatte da te. Per esempio con foglie e radici di Bardana, fiori e foglie di Borraggine, corteccia d'Acero e foglie di Quercia puoi preparare un infuso (con acqua distillata) che filtrerai ed addizionerai con un cucchiaino di succo di limone o un cucchiaio di aceto di mele e qualche goccia di olio essenziale di salvia, rosmarino, limone e arancio dolce. Lo potrai mettere in un flaconcino spray e lo utilizzerai subito dopo lo shampoo a capelli sciacquati. Spruzzi abbondantemente sui capelli ancora bagnati e lasci agire per 5 minuti, dopo di che senza sciacquare strizzi i capelli e passi alla normale asciugatura. Questa lozione semplice è priva di conservanti, per cui preparane 100 ml per volta che conserverai in frigorifero. Spero di esserti stata di aiuto.
    Un abbraccio
    Lalla

    RispondiElimina
  59. Ottimo consiglio Lalla, grazie... :)
    Dici che ci sta bene anche l'olio di mandorle nell'emulsione??

    RispondiElimina
  60. Fossi in te eviterei l'uso di oli per le lozioni. Avendo i capelli grassi rischieresti di ritrovarteli più untuosi ancora.
    Per gli impacchi pre-shampoo, invece, ti consiglio di usare sia la lozione di cui sopra, magari amalgamata insieme a lievito di birra ed un pizzico di argilla verde o bianca, sia olio di cocco sempre amalgamato ad argilla. Poi lavi accuratamente i capelli e sciacqui secondo le modalità che ti ho indicato.

    RispondiElimina
  61. ciao Lalla sapresti dirmi se posso ottenere il gel ai semi di lino dalla farina di essi e non dai semi?

    RispondiElimina
  62. In realtà dovresti ottenere lo stesso risultato considerando che la farina altro non è che la semenza macinata :-)

    RispondiElimina
  63. quindi dovrei procedere come da ricetta, ma a posto del colino usare un fazzoletto di cotone per filtrare il tutto. cosa ne pensi?
    grazie in anticipo per la risposta:)

    RispondiElimina
  64. Sì...anzi in questo caso visto che è farina ti conviene usare oltre che il fazzolettino di cotone anche un filtro carta tipo quelli per il caffè :-)

    RispondiElimina
  65. Ciao, è da una settimana che faccio uso di uno shampoo 100% naturale.
    Non ho seguito completamente la tua ricetta perchè non avevo tutti gli ingredienti per cui ho usato solo acqua, ortica, aceto, rosmarino, e sapone di marsiglia.
    Il problema è che mi ha lasciato dei capelli veramente schifosi.
    Sembra quasi di non averli lavati e per di più, sono riamasti anche molto unti!
    Volevo chiederti se la cosa è normale o forse ho sbagliato con gli ingredienti.
    Avendo già di mio dei capelli abbastanza grassi, non verrei che con il sapone di marsiglia, che è molto unto, abbia peggiorato la situazione.
    Ti ringrazio anticipatamente dell'aiuto!

    RispondiElimina
  66. Ciao mtt94
    se devo essere onesta la stessa cosa è accaduta anche a me che a differenza tua ho i capelli molto secchi. Ho sperimentato una serie di soluzioni perché tutti mi dicevano che bisognava riabituare e disintossicare i capelli dalle varie schifezze che sino a quel momento avevo utilizzato...ma nonostante il tempo la situazione peggiorava, tanto che alla fine ho optato direttamente per uno shampoo liquido, sempre fatto in casa, ma partendo dalla pasta di sapone fatta con idrossido di potassio e non con soda caustica. Ora posso dirti con tutta franchezza che i miei capelli sono tornati ad essere pulitissimi, soffici, non untuosi e molto setosi e pettinabili. Io credo che un sapone solido, come quello di marsiglia, anche se è stato prodotto da noi, per alcune persone non vada bene ai fini di uno shampoo; forse perchè lo sconto soda che si applica lascia comunque dei grassi non saponificati e quindi questi appesantiscono ed ungono i capelli. Queste, ovviamente sono mie considerazioni personali dettate dal risultato che ho ottenuto io, perché ripeto, conosco tante altre persone che si trovano benissimo con questo genere di shampoo e non lo cambierebbero con nessun altro. Ne deduco che i risultati siano del tutto soggettivi, secondo il tipo di pelle, capelli, ambiente ecc. ecc.
    Spero di non averti scoraggiata, anzi...spero di averti dato una spinta in più a cercare la soluzione migliore per i tuoi capelli.
    Un abbraccio
    Lalla

    RispondiElimina
  67. Grazie per la risposta!
    Proverò a fare vari esperimenti con diversi ingredienti senza usare il sapone di marsiglia.
    Ciao :)

    RispondiElimina
  68. Tienimi aggiornata :-)
    Io nel frattempo studierò qualcosa che possa andar bene per tutti :-)
    Un bacio
    Lalla

    RispondiElimina
  69. Ciao, avendo a disposizione la saponaria volevo cimentarmi in questa ricetta… vedo che nell'elenco delle piante aggiuntive c'è la lingua di cane, ma intendi la felce? perché se è quella sarebbe fantastico perché nei boschi si trova anche ora, e se serve a combattere l'untuosità malefica (che con i normali salvia e rosmarino non schioda) corro a fare la scorta… invece l'edera va bene usarla solo fresca? Grazie e complimenti. Silvia

    RispondiElimina
  70. Ciao Silvia
    La Lingua di Cane è la Piantaggine lanceolata.
    Per l'untuosità potresti anche provare l'ortica che è fantastica e magari prova a fare un decotto con queste piante che mi hai citato dove però ci aggiungi del succo di pompelmo o limone...Ti fai un bell'impacco e vediamo se sortisce l'effetto sperato. L'edera va bene anche secca :-)
    Un bacione
    Lalla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah la piantaggine! Bella pianta anche quella… Bene, sai che di ortica ne ho un po' in un sacchetto e per ora l'ho usata solo nel risotto? Eheh… Wow allora mi metto a sperimentare!
      Thanks! :*
      Silvia

      Elimina
  71. Ciao Silvia
    allora secondo alcune mie ricerche la Lingua di Cane è anche una felce che cresce spontaneamente e si utilizza anch'essa per lo splendore dei capelli essendo ricca di sali minerali e principi attivi che contrastano la formazione di forfora ed impurità sul cuoio capelluto.

    RispondiElimina
  72. Ciao Lalla!
    Complimenti per il blog!
    Vorrei chiederti un consiglio x i miei capelli.... Uno shampoo fatto in casa semplice semplice ed efficace ..... Ti dico altresì che ho i capelli medio lunghi e ricci ricci, faccio nuoto quasi tutti i giorni e quindi li stresso con prodotti commerciali.
    Grazie tante a presto
    Patrizia

    RispondiElimina
  73. Ciao Patrizia
    lo shampoo è molto soggettivo e dipende tanto dal tipo di capelli e soprattutto dai trattamenti fatti sino a questo momento. Per mi esperienza posso dirti che, nonostante i miei capelli non sono più trattati con sostanze chimiche da oltre 10 anni, non sopportano per esempio il sapone solido perchè si seccano facilmente, mentre col sapone liquido, fatto con idrossido di potassio, ho ritrovato i miei capelli soffici, pettinabili e non secchi. Quindi dovresti iniziare a fare dei piccoli test magari partendo da un sapone solido (ovviamente stiamo parlando di saponi auto-prodotti) grattugiato e sciolto in un infuso di erbe adatte al tuo tipo di capelli. Non solo....avresti anche bisogno di fare degli impacchi settimanali pre-shampoo per proteggerli dal continuo stress della piscina; oppure con del balsamo post-shampoo che abbia le stesse funzioni. Solo questi test ti permetteranno di capire come meglio procedere per mantenere la cura e la bellezza dei tuoi capelli. Ho sempre sognato di avere i capelli ricci, ma ahimè i miei sono dei veri spaghetti :-(
    Un bacione
    Lalla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno .... Grazie mille Lalla!
      Inizierò a fare dei test; l'unica cosa che faccio ogni tanto è un impacco a base di olio d'oliva e mandorle con 3/4 gocce di olio d'argan..... dopo ho dei capelli stupendi.... Ah i miei capelli sono ricci ricci e fini....
      Grazie ancora e buona giornata Patrizia

      Elimina
  74. ciao lalla! vorrei chiederti un consiglio per fare uno shampoo in casa: ho capelli grassi alla radice e secchi sulle lunghezze. trovo molto utile l'olio di semi di lino per capelli da utilizzare solo sulle lunghezze sui capelli appena lavati..detto questo,ti chiedo un consiglio invece sullo shampoo..ieri ho provato una ricetta consigliata da un'amica: ho fatto una pappetta con bicarbonato di sodio e acqua, l'ho usata come shampoo e poi ho risciacquato con aceto di mele e acqua. secondo te a lungo andare questa soluzione è valida oppure rischio di rovinare i capello?considera che ne ho persi già molti negli ultimi anni e che devo lavarli ogni due giorni per motivi lavorativi.. ti ringrazio intanto!! ciao!luna

    RispondiElimina
  75. Io credo che alla lunga i capelli si possano rovinare con l'uso frequente di bicarbonato ed acqua. Secondo me dovresti un pò alternare con uno shampoo specifico oppure potresti usare una volta a settimana uno shampoo a secco che sicuramente non aggredisce i capelli e te li lascia puliti e lucenti :-)

    RispondiElimina
  76. Domanda (ho letto buona parte dei commenti e non mi sembra che se ne parli): ma quali sono i tempi di conservazione dell'interessantissimo "shampoo delicato"?

    RispondiElimina
  77. In realtà Ramon questo è uno shampoo estemporaneo e cioè si utilizza tutto nel momento in cui si prepara. Può conservarsi al massimo 3/4 giorni se tenuto in frigorifero. O magari puoi anche congelare in piccole bottigliette monodose.

    RispondiElimina

Lasciate un commento

Licenza CreativeCommons

Licenza Creative Commons
Questa opera di Lalla è concessa in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported.
Basata su un lavoro di impatiens-magicanatura.blogspot.com.
Permessi oltre lo scopo di questa licenza possono essere disponibili presso http://creativecommons.org/.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...