martedì 30 giugno 2020

I NOSTRI VIDEO CORSI ON LINE

La locandina

INDICE DEGLI ARGOMENTI DEI NOSTRI VIDEO CORSI

VIDEO CORSO 1° LIVELLO LE CREME

VIDEO CORSO 1° LIVELLO IL SAPONE LIQUIDO

VIDEO CORSO 1° LIVELLO IL SAPONE SOLIDO


VIDEO CORSO 1° LIVELLO GLI ESTRATTI


VIDEO CORSO 1° LIVELLO UNGUENTI POMATE E LIPOGEL

I video corsi verranno tenuti  in diretta sulla piattaforma Zoom ed avranno la durata di 5 ore cadauno tra teoria e pratica; quest'ultima avverrà attraverso la visione di audio-video step by step.



Per altre INFO sui costi, date e orari contattate

Flavia flaviaorlando 67@gmail.com  Whatsapp  +39 347 0076643
Eleonora eleonora.barmasse@gmail.com Whatsapp  +39 388 7519234 

martedì 16 giugno 2020

MASCHERA PEELING

Maschera peeling
Le vacanze si avvicinano e tutti abbiamo bisogno di un po' di tintarella per dare luce al nostro viso pallido, ma prima di esporci al sole dobbiamo eliminare tutte le cellule morte dalla nostra pelle.
Una buona e profonda detersione non basta e quindi ci avvaliamo di prodotti esfolianti e peeling.
Non amo molto i peeling che trovo sempre aggressivi, pur essendo composti da polveri quali lo zucchero, il sale, il caffè o semi vegetali, perciò ho pensato di addolcirmi la "pillola" producendo una crema di sapone con funzioni "esfolianti".
Innanzi tutto per velocizzare i tempi ho usato il Bimby, ma nulla toglie che possiate procedere nel modo a voi più congeniale con gli elettrodomestici che avete in casa.

MASCHERA PEELING
FASE 1
  • 200 g di sapone solido autoprodotto grattugiato (io ho optato per un sapone composto prevalentemente da burro di Karité e strutto)
  • 400 g di Acqua oligominerale (o demineralizzata o idrolato)
  • 0,8 g di sodio gluconato
  • 6 g di sodio citrato
Sciogliete i sequestranti in acqua e, nel frattempo inserite nel boccale il sapone a pezzi che grattugerete  a velocità 6 per 30 secondi. Unite l'acqua coi chelanti e impostate il Bimby a 15 minuti, 90°C, velocità 2.

FASE 2
  • 50 g di Kaolino (argilla bianca ventilata)
Unite l'argilla a pioggia dal foro del coperchio e, senza impostare la temperatura, mescolate per 15 minuti a velocità 3.

FASE 3
  • 200 g di bicarbonato di sodio
Quando il composto si è intiepidito (circa 37°C), aggiungete il bicarbonato di sodio, un cucchiaio per volta, sempre dal foro sul coperchio mentre le lame sono in movimento a velocità 3. Questa manovra richiederà più o meno 3 minuti.

FASE 4
  • 200 g di glicerina vegetale
  • 50 g di miele di Acacia o Tiglio o Millefiori
Pesate la glicerina e mescolatela con il miele da voi scelto. Unite il tutto nel boccale e frullate per 2 minuti a velocità 6. 
Il composto sarà inizialmente molto fluido, ma raffreddandosi del tutto, tenderà a solidificarsi pur rimanendo morbido fra le mani. Trasferitelo in un contenitore a bocca larga per poi prelevare man mano quello che vi serve per eseguire il vostro rito di bellezza.
Nel mio caso ho aggiunto anche una piccola spolverata di perle di Jojoba.

Modo d'uso: applicate abbondantemente la maschera su tutto il viso già inumidito, con massaggi circolari evitando la zona perioculare, insistendo sui lati del naso, sul mento e sulla fronte. Lasciate che si asciughi completamente prima di asportarla con una spugnetta imbevuta in acqua tiepida. Sciacquate bene il viso con acqua fresca e, dopo averlo ben asciugato spruzzate il vostro tonico preferito. La vostra pelle risulterà luminosa, pulita e setosa.
Lo stesso procedimento eseguitelo su tutto il corpo prima di una doccia rinfrescante.

Nota bene: pur essendo a base di sapone, questa maschera non produce schiuma durante l'applicazione.

Considerazioni personali: a differenza delle solite maschere facciali con argille e/o polveri, questa non tira la pelle mentre si asciuga e non lascia quel tipico rossore. E' molto delicata anche nel suo effetto peeling dato principalmente dal bicarbonato di sodio ed eventualmente dalle perle di Jojoba.
Provate per credere.


sabato 7 marzo 2020

FICHISSIMA CREMA VISO NUTRIENTE

Fichissima Crema viso nutriente
Lo scorso autunno, dopo aver trascorso 10 giorni nel mio amato Salento, sono stata ispirata dai frutti di questa terra: dolci, colorati, succulenti e soprattutto dalle enormi proprietà cosmetiche. Mi sarebbe piaciuto  inserirli tutti nella mia crema, ma avrei prodotto solo un minestrone, quindi ho preferito servirmi di una piccola rappresentanza: il fico d'India, il Cappero, l'Ulivo, le Mandorle, l'Uva, il Melograno, il Grano, il Carrubo, tutti atti a donare alla pelle nutrimento, idratazione, tonicità, luminosità, protezione, proprio ciò di cui ho maggiormente bisogno, specialmente in inverno.
Seguitemi e vi dirò come ho assemblato tutti gli ingredienti per ottenere questa stupenda crema.

FICHISSIMA
CREMA VISO NUTRIENTE
(per 200 g)

FASE 1
FASE 2
  • 12,0 g Montanov 68
  • 04,0 g burro di Kpangnan
  • 04,0 g Ceralan
  • 08,0 g olio EVO
  • 08,0 g olio di Mandorle dolci
FASE 3
  • 63,5 g gel di pala di fico d'India
  • 01,0 g Aristoflex velvet
  • 02,0 g EF (estratto fluido) di Uva
  • 02,0 g percolato di Vite vinifera
FASE 4
  • 04,0 g olio di fico d'India
  • 04,0 g olio di Melograno
  • 08,0 g olio di germe di Grano
FASE 5
  • 02,0 g Fenossietanolo
  • 02,0 g fragranza Violetta GC
Procedimento: In un contenitore idoneo versate l'acqua della FASE 1 e portatela a scaldare a 80°C. Raggiunta la temperatura aggiungete la farina di semi di carrube mescolando per agevolarne lo scioglimento, dopo di che unitevi la glicerina.
In un secondo contenitore unite tutta la FASE 2 e ponete a scaldare a bagnomaria sino a sciogliere completamente le cere e i burri. A questo punto versate l'intera FASE 1 e frullate per ottenere una emulsione.
Nel frattempo preparate la FASE 3 facendo idratare prima l'aristoflex nel gel di pala di fico d'India ed emulsionando aggiungete i due estratti. Otterrete un gel bello consistente. Unite questa intera preparazione alla prima emulsione, che nel frattempo si sarà intiepidita, e frullate per omogeneizzare il tutto. Sempre emulsionando, unite a filo la FASE 4 composta dagli oli fino ad ottenere una crema. A raffreddamento completo aggiungete la FASE 5 e frullate per l'ultima volta.
Travasate la crema in un contenitore ampio e capiente fornito di chiusura ermetica e mettetela da parte per almeno due giorni.
Trascorse le 48 ore riprendete il contenitore e, con un cucchiaio o bacchetta mescolate per eliminare quelle piccole bollicine di aria che nel frattempo si sono formate. Quando la crema risulterà bella liscia e vellutata, potete invasettarla nei vostri contenitori preferiti.
La crema così ottenuta è molto corposa e va utilizzata a piccole dosi spalmandola sul viso con dei massaggi dal basso verso l'alto fino a completo assorbimento. Si asciuga facilmente e non lascia tracce di unto, anzi lascia la pelle setosa, vellutata, tonica e luminosa. Persino la mia amica Gloria, che ha una pelle tendenzialmente grassa, l'ha trovata stupefacente.
Se avete voglia di imparare a realizzare gli estratti vegetali potete usufruire della collana Amiche per la pelle, piccoli volumetti che vi guideranno passo passo alla realizzazione di estratti, unguenti, pomate creme e tanto altro.



Licenza CreativeCommons

Licenza Creative Commons
Questa opera di Lalla è concessa in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported.
Basata su un lavoro di impatiens-magicanatura.blogspot.com.
Permessi oltre lo scopo di questa licenza possono essere disponibili presso http://creativecommons.org/.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...