domenica 15 luglio 2012

LALLAVANDA CREAM




Innanzi tutto mi scuso con tutti i miei lettori per la mia assenza prolungata di questo periodo, ma impegni improrogabili mi hanno trattenuta!
Oggi ritorno finalmente con un'altra delle mie stravaganti sperimentazioni. Come tutti già sapete, non amo fare uso di materie prime complicate per creare creme, lozioni, fluidi ed unguenti, ma era da tempo che desideravo sperimentare una nuova formulazione per le mie semplicissime creme.

Mi ritrovavo in casa dell'alcool cetilico che non sapevo come sfruttare...allora mi è venuta in mente un'idea "malsana" ahahahah ed ho voluto provare una nuova ricetta.
La mia intenzione era quella di creare un fluido dopo sole, ma nonostante i miei sforzi ne è venuta fuori una crema non densissima, ma neanche fluida....diciamo piuttosto "scorrevole".
Nel nome che ho dato alla crema è racchiuso tutto il suo segreto:

LALLAVANDA CREAM
3 g di cera d'api vergine alla lavanda
2 g di alcool cetilico
5 g di olio di cocco
20 g di oleolito di lavanda in girasole
10 g di Macerato glicerico di lavanda
60 g di Idrolato di lavanda
16 gtt di Cosgard

Come al solito ho messo a sciogliere a bagnomaria la cera insieme all'alcool cetilico e all'olio di cocco.
In un altro contenitore ho versato l'oleolito, in un altro ancora l'idrolato. Ho aspettato che la cera fosse ben sciolta ed ho spento il fornello. Nel bagno caldo però a questo punto ho messo gli altri due contenitori...quello dell'olio e quello dell'acqua. Ho atteso che si scaldassero leggermente dopo di che son passata a versare l'oleolito tiepido nella cera ed ho iniziato ad emulsionare. Poi, goccia a goccia ho versato l'idrolato...ad ogni aggiunta facevo in modo di emulsionare ed amalgamare l'acqua nel composto sino a terminarla.
Non vi dico che faticaccia!!!
Se avete notato ho aumentato del 20% la dose di acqua nella mia formulazione ed è proprio per questo che ho fatto più fatica ad emulsionare il tutto. Ovviamente la pazienza non mi manca ed ho continuato a frullare sino a che non ho visto il composto tutto bello omogeneizzato. Tutto ciò l'ho fatto nel bagno caldo a fuoco spento!
Quando la mia crema iniziava a prender forma allora son passata al bagno freddo e lì, con mia grande sorpresa ho visto che la crema si addensava, sbiancandosi come al solito, ma non rimanendo fluida come mi aspettavo!!!!
In questa fase ho avuto qualche difficoltà perchè notavo che delle goccioline di acqua non volevano assolutamente amalgamarsi, ma non mi sono arresa ed ho continuato ad alternare il piccolo frullatore al cucchiaino sino a che le gocce di acqua non sono scomparse totalmente. Solo a questo punto ho aggiunto il conservante (Cosgard) che con delicatezza ho amalgamato all'intero composto.
Insomma il risultato è il seguente:



Una crema meravigliosa, dalla consistenza leggerissima ed oltretutto profumatissima nonostante non abbia aggiunto oli essenziali.....
Stasera ho provato immediatamente a spalmarla sulle gambe dopo la doccia e non vi dico il bellissimo effetto. Innanzi tutto come tutte le creme a base di cera d'api non fanno alcuna scia o bava!
Proverò a descrivervi l'effetto sulla pelle.....sembra quasi che ci si spalmi addosso una lozione bifasica...tanto è leggera che sembra quasi acqua leggermente oleata. Si ha immediatamente un senso di freschezza...non unge e si asciuga in pochissimi secondi tanto da permettere di infilarsi un bel jeans strettissimo senza difficoltà!
Bè che dire...sono veramente soddisfatta...finalmente ho una crema dopo sole che pur non contenendo olio di iperico, mi permette di lenire il calore del sole dopo una giornata al mare, in più senza il rischio che si corre con un olio fotosensibilizzante come l'iperico.
Fresca, leggera, profumata ed asciutta è l'ideale dopo una prolungata esposizione solare e permette di riesporsi anche accidentalmente al sole senza causare danni. La trovo particolarmente indicata per i bambini.

11 commenti:

  1. resto ammirata al cospetto di ogni tua creazione, ma questa crema con il 20% in più di acqua è davvero una svolta! un'emulsione così leggera ed efficace nel contempo.... da provare assolutamente!! Complimenti Lalla

    RispondiElimina
  2. Grazie Sabrina e...scusa il ritardo della mia risposta, ma in questo periodo il mio pc pare che stia facendo le bizze come un bimbo capriccioso!
    Mi ci è voluto un pò per emulsionarla, ma alla fine ci sono riuscita e, devo dire con grande soddisfazione!!!!
    La sto usando tutti i giorni e la trovo strepitosa perchè è una "crema" che non è crema, ma allo stesso tempo idrata e rinfresca la mia pelle in maniera semplice e veloce!!
    Un bacione
    Lalla

    RispondiElimina
  3. Un altro splendido utilizzo della nostra amata e versatile pianta officinale di Lavanda!!! Complimenti!!! =)

    RispondiElimina
  4. Complimenti,deve essere fantastica questa crema!Se volessi produrla anch'io, volevo chiederti se il macerato e l'idrolato li posso trovare in erboristeria?Ciao e grazie :)

    RispondiElimina
  5. In continua evoluzione e rivoluzione... Non finirai mai di lasciarci a bocca aperta!!! :)

    RispondiElimina
  6. @FREYA KOSMETIK la lavanda è un pozzo senza fondo....non per nulla si dice che non basterebbe un'intera enciclopedia per descriverne tutte le sue proprietà!!! E mi sento fortunata ad avere a disposizione innumerevoli cespugli antichissimi di questa eccezionale pianta!

    @Anonimo L'idrolato di lavanda lo puoi trovare tranquillamente in erboristeria, ma mi raccomando leggi sempre l'INCI che deve dire che è idrolato puro senza aggiunte di conservanti e porcherie varie. Per quanto riguarda il macerato glicerico invece ho il dubbio che tu non lo possa trovare, ma non è difficile da preparare in casa....quindi se hai a disposizione qualche fiore di lavanda lo puoi preparare tranquillamente. Un saluto a te

    @La zia Margy Bè ormai mi conosci abbastanza bene per sapere che la mia testolina è sempre in movimento ahahahahahah

    RispondiElimina
  7. Ciaooo!!Ho fatto questa crema ed è eccezionale la sensazione che lascia alla pelle. L'unico neo è che dopo qualche ora ha rilasciato delle goccioline di acqua. Ogni volta che apro il contenitore lo svuoto delle piccole gocce che riappaiono. Ho fatto qualcosa che non va? grazie Nicoletta

    RispondiElimina
  8. Hai provato a mescolare lentamente anche con uno stuzzicadenti? Magari metti in frigo il barattolo per un paio d'ore, poi quando lo ritiri fuori, mescola come faresti con una crema al mascarpone e cioè da sotto a sopra per amalgamare bene tutti gli ingredienti. In questo modo l'acqua dovrebbe riassorbirsi e non separarsi più. Tienimi aggiornata.

    RispondiElimina
  9. provo....una cosa mi incuriosisce...qualdo uso stearina o alcool cetilico ho questo problema...forse faccio qualcosa che non va :(( Grazie mille aggiorno

    RispondiElimina
  10. Detto fatto, ti racconto: ho iniziato a mescolare con stuzzicadenti e subito l'acqua si separava sempre di più. Ho deciso così di prendere il frullatore ed inizialmente è avvenuta la completa separazione per poi riunirsi magicamente. Dopo tutti questi giorni non si è ancora separata, l'unico fatto che osservo è che ogni volta che la spalmo sulla pelle ho la sensazione che l'acqua si separi e si unisca agli oli contemporaneamente. Non so se ho spiegato bene. La sensazione che da alla pelle è, a dir poco, fantastica...vellutata....ma mi rimane sempre questo dubbio che la crema debba avere quella sensazione di ''separazione''. Forse sono abituata alle cold cream? Bacio Nicoletta

    RispondiElimina
  11. Non è che cerco di raffreddare la crema troppo in fretta, passandola nel bagno a freddo troppo presto?? Grazie!! Nicoletta

    RispondiElimina

Lasciate un commento

Licenza CreativeCommons

Licenza Creative Commons
Questa opera di Lalla è concessa in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported.
Basata su un lavoro di impatiens-magicanatura.blogspot.com.
Permessi oltre lo scopo di questa licenza possono essere disponibili presso http://creativecommons.org/.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...