sabato 6 luglio 2013

SALVIETTE DETERGENTI MULTIUSO ECO-BIO

Salviette detergenti alla Lavanda e alla Calendula
Chi di voi non ha mai utilizzato le salviette umidificate detergenti per struccarsi alzi la mano! Io faccio parte di quella cerchia di persone a cui non possono mancare le salviette umidificate! Ovviamente in commercio ne esistono svariate e per mille usi...da quelle struccanti a quelle per l'igiene intima...da quelle per bambini a quelle per uso quotidiano in mancanza di acqua o sapone...Insomma certamente vi è un'ampia scelta, ma come al solito, se ci soffermiamo a leggere le minuscole etichette (vado in giro con la lente perchè non ci vedo più ahahahah) ci accorgiamo che gli ingredienti in esse contenute sono talmente schifosi che vien voglia di lavarsi, piuttosto, in una pozzanghera di fango!!!
Comunque, amando mettermi alla prova, ho voluto creare un liquido detergente adeguato per fare in casa le nostre belle salviette :-)
Vediamo un pò come bisogna procedere!
Innanzitutto anche in questo caso mi son servita di alcuni scarti di sapone che avevo prodotto durante l'autunno scorso e coi quali ho preparato una crema di sapone proprio come avevo fatto qui ! L'unica differenza è che stavolta ho usato il burro di Karitè al posto del burro di albicocca. Ora passiamo alla ricetta!
SALVIETTINE DETERGENTI MULTIUSO
Per questa operazione mi sono servita del Bimby solo per una questione di velocità, ma potete utilizzare qualsiasi elettrodomestico a voi favorevole per miscelare le vostre misture.
Ho versato nel boccale del Bimby 50 g di crema di sapone e vi ho aggiunto i 500 g di idrolato di Lavanda. Ho impostato il mio elettrodomestico a 30 minuti, temperatura 37°C, velocità 2.
Crema di sapone al burro di Karitè
Crema di sapone sciolta con idrolato di lavanda
Trascorsi i 30 minuti ho ottenuto questo fluido, bianco e lattiginoso, molto profumato. Ho misurato il pH ed ho corretto con acido lattico sino a farlo scendere a 7. A questo punto ho aggiunto anche l'olio essenziale di lavanda ed ho versato il tutto in una bottiglia per far riposare affinchè scomparisse del tutto la schiuma.
Fluido detergente con schiuma


Fluido detergente dopo circa un'ora
Come potete notare dalla foto in alto, la schiuma, dopo circa un'oretta è scomparsa quasi del tutto.
Nel frattempo però non sono stata con le mani in mano, anzi ho preparato le salviettine, servendomi dei comuni tovaglioli di carta stoffa grandi!
Tovagliolo di carta stoffa
Ho preso uno ad uno i tovaglioli dividendoli in quattro parti uguali
Tovagliolo ritagliato in quattro parti uguali

A questo punto, ho ripiegato su sè stessi tutti i tovagliolini così ottenuti e li ho riposti nel mio contenitore in plastica opaca per far sì che prendessero forma. 
40 salviette ripiegate nel contenitore
Fatto questo, ho capovolto il contenitore su una tovaglietta ed ho iniziato il procedimento per umidificare tutte le salviette. Innanzitutto ho versato nel contenitore un piccolo strato di fluido detergente
Strato di fluido detergente
e quindi son passata ad immergere una per una le salviettine che avevo già preparato. Man mano che notavo che si inzuppavano, pigiandole leggermente per schiacciarle (munita di guanti di lattice per facilitarmi il compito ed anche per una questione igienica), aggiungevo dell'altro fluido e quindi delle altre salviette sino ad arrivare all'orlo.
Salviette umidificate
Noterete che non vi è eccesso di fluido detergente poichè le salviette man mano lo hanno assorbito tutto. Ho chiuso il mio bel contenitore ed ho lasciato riposare per un'intera notte proprio per agevolare l'intero assorbimento di liquido.
Con 10 tovaglioli di carta stoffa ho ottenuto 40 salviettine umidificate per le quali è bastato solo la metà del fluido detergente che avevo preparato. Il latte di sapone che mi è rimasto l'ho conservato tranquillamente in bottiglia a temperatura ambiente e dopo tre settimane è ancora intatto ed integro nonchè profumatissimo.
Anche le salviette, prima di utilizzarle le ho testate...cioè...non essendoci alcun tipo di conservante ho voluto lasciarle inutilizzate per almeno tre settimane per verificare l'eventuale formazione di muffe o cambiamenti nell'odore e nel colore. NULLA! Sono intatte, profumate, idratanti e morbidissime nonostante tutti i giorni ho aperto il contenitore sapendo che la contaminazione batterica attraverso la sola aria avrebbe potuto compromettere il mio lavoro. Ma vi garantisco che non è accaduto nulla di tutto ciò che mi aspettavo!
Ovviamente a questo punto non mi rimaneva altro da fare che testarle per struccarmi...soprattutto gli occhi. Non vi dico con quale piacere l'ho fatto, perchè finalmente i miei occhi non lacrimavano. Non solo...mi sentivo la pelle morbida e vellutata al tatto e soprattutto ben detersa. Dopo l'uso ho passato sul mio viso solo un batuffolo di cotone imbevuto di idrolato di lavanda per ripulire i residui del detergente e per riequilibrare il pH fisiologico della mia pelle.
Salviette umidificate alla Lavanda
Non contenta, ho preparato anche quelle alla calendula adatte soprattutto alla detersione dei culetti dei neonati. In questo caso il pH 7 delle salviette favorisce il ripristino dell'equilibrio fisiologico della pelle delicatissima dei neonati che, si sa dopo la pipì che è molto acida si ritrovano, poverini, sempre col culetto arrossato!
Salviette umidificate alla Calendula

Insomma in casa mia fra me e Matteo ne stiamo consumando veramente a bizzeffe ed oltretutto il mio cucciolotto le sta anche utilizzando dopo le fastidiose punture di zanzara dicendomi che si sente finalmente "fresco"!
Non mi resta che augurarvi buon lavoro in attesa delle vostre sperimentazioni :-)


23 commenti:

  1. Ecco una meravigliosa e utile "lallata"...ci voleva proprio!!!

    RispondiElimina
  2. ahahahahahah ormai i miei lettori sono abituati a queste piccole sorprese :-)

    RispondiElimina
  3. Che bellissima ricetta, Lalla , sei un vulcano di idee. Hai perfettamente ragione, sul mercato trovi di tutto , ma chissà cosa ci mettono dentro . complimenti cara . Bacioni Nadia

    RispondiElimina
  4. Grazie Nadia
    si capisce vero il motivo per cui tante volte sono completamente assente? ahahahahah Ovviamente tra la raccolta e la distillazione...senza parlare del lavoro, casa, figlio ecc. sono veramente immersa in un mondo quasi surreale che non mi lascia il tempo neanche per accendere il pc ;-)
    Un bacio anche a te
    Lalla

    RispondiElimina
  5. bella bravissima.....da conservare...bacini alla più strega di tutte.....^_^

    RispondiElimina
  6. Mi piace l'accezione "più strega di tutte" ahahahahahah
    Un bacione
    Lalla

    RispondiElimina
  7. Sai che e proprio una bella idea? l' unica cosa e che nn usando e facendo sapone, nn amando i pH basici; Ho pensato si potrebbe fare anche con l'acqua micellare;Cosa ne pensi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Giuseppina, credo che vada benissimo anche l'acqua micellare oppure, visto che te sei più pratica di me nel formulare il latte detergente, ne potresti creare uno molto fluido, senza gelificarlo, da utilizzarlo al posto del latte di sapone. Ovviamente dovrai però usare un conservante.
      Un bacio
      Lalla

      Elimina
  8. Mitica!!!!! *______________*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Romina ho seguito il tuo consiglio facendo svariate prove e sono davvero contenta di essere riuscita a fare queste salviette così almeno quest'anno in spiaggia non sono costretta a portarmi dietro tutti i fluidi in bottigliette :-)
      Un baciotto ;-)
      Lalla

      Elimina
  9. fantastiche! un'alternativa salubre a quelle salviette commerciali che sono imbevute di un sacco di schifezze, mitica! :)
    un bacio
    ecchi

    RispondiElimina
  10. Infatti ecchi ecobio era proprio la mia intenzione...sostituire le salviette che si trovano in commercio :-)
    Baci
    Lalla

    RispondiElimina
  11. Fantastico!! mi stavo proprio domandando da tempo come poter fare delle salviette eco-bio per non usare quelle schifezze in commercio(soprattutto per i bambini) ed ecco la risposta...sei bravissima!!!

    RispondiElimina
  12. wuao idea geniale...brava :) piacere sono nuova, se ti va iscriviti al mio blog e farò altrettanto con te. ecco il link http://torella88.blogspot.it/ grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Concetta appena posso farò un salto nel tuo blog :-)

      Elimina
  13. Davvero una bella idea ! Il fai-da-te è sempre la cosa migliore ! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è soddisfazione più grande di quella che ci permette con piccole cose di crearci in casa i nostri piccoli cosmetici :-)

      Elimina
  14. ciao Lalla, dove posso trovare i tovaglioli?

    RispondiElimina
  15. Ciao Loredana
    io li ho trovati presso un ingrosso di carta...dove vendono tutti i tipi di carta anche per decorazioni di feste di compleanni o catering ecc., ma se vuoi delle salviettine già piegate le trovi anche su http://www.dadalindo.it/

    RispondiElimina
  16. Ciao Lalla come posso preparare un idrolato?

    RispondiElimina
  17. Ciao Vega
    nel mio blog trovi l'articolo "La distillazione in corrente di vapore" dove spiego come ottenere gli idrolati fatti in casa :-)
    Lalla

    RispondiElimina

Lasciate un commento

Licenza CreativeCommons

Licenza Creative Commons
Questa opera di Lalla è concessa in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported.
Basata su un lavoro di impatiens-magicanatura.blogspot.com.
Permessi oltre lo scopo di questa licenza possono essere disponibili presso http://creativecommons.org/.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...