sabato 4 maggio 2013

DETERGENTE LIQUIDO-COME REALIZZARLO PASSO PASSO

Finalmente ho rifatto il mio detergente liquido fotografando passo passo il procedimento per realizzarlo ed accontentando così la maggior parte di voi che mi avevano chiesto di corredare questo articolo con foto e spiegazioni più dettagliate, in quanto dal video pubblicato nell'articolo che lo riguarda non si capisce molto bene il procedimento.
Innanzitutto vi rielenco gli ingredienti, ma per i dettagli guardate qui .
DETERGENTE LIQUIDO PER I PIATTI
  • 170 g di glicerina vegetale
  • 100 g di KOH (Idrossido di potassio)
  • 368,50 g di olio d'oliva
  • 42,50 g di olio di cocco
  • 42,50 di olio di ricino
  • 10 ml di o.e. di lemongrass o qualsiasi o.e. di vostro gradimento
Pesiamo tutti gli ingredienti necessari:
peso della glicerina
peso del KOH
                   
   
peso degli oli
           
 Ora passiamo alla procedura!
STEP 1
Scaldare sul fornello diretto la glicerina
glicerina su fiamma diretta
Nel frattempo ponete a scaldare gli oli a bagnomaria affinchè si sciolga l'olio di cocco:
oli a bagnomaria

Col termometro misurate la temperatura della glicerina che deve raggiungere i 100°/110°C!
STEP 2
Aggiungere l'idrossido di potassio, KOH, poco per volta nella glicerina mescolando continuamente e sempre su fornello acceso:
aggiunta di KOH in glicerina
Noterete che la soluzione tenderà a schiumare, ma vi basta allontanare leggermente dal fuoco il pentolino sempre mescolando che la schiuma scomparirà. Rimettete immediatamente sul fuoco ed aggiungete tutto l'idrossido di potassio senza mai smettere di mescolare. Non aspettatevi una soluzione cristallina perchè l'alcale aggiunto in glicerina si mostrerà ostico allo scioglimento completo...ma non è un problema. Tenete per pochi minuti sempre su fiamma questa soluzione
Soluzione caustica dopo pochi minuti di cottura su fornello
sino ad ottenere questo miscuglio.
STEP 3
Aggiungete la soluzione caustica negli oli:
Soluzione caustica negli oli
Lasciando sempre a bagnomaria a fornello acceso iniziate a mescolare con un mestolo di legno e, quando vedrete il composto bello cremoso aggiungete l'olio essenziale
composto cremoso
Dopo di che passate ad utilizzare il vostro minipimer ed attendete che il vostro sapone cominci ad ammassarsi sino ad ottenere una consistenza tale che il frullatore ad immersione non può più lavorare:
Sapone ammassato
STEP 4
Ora chiudete con un coperchio la vostra pentola che contiene il sapone e lasciate sul fuoco a fiamma medio bassa, sempre a bagnomaria, a cuocere per un'ora e mezza senza mai mescolare o aprire il coperchio!
STEP 5
A fine cottura il sapone si presenterà così:
Sapone cotto
Ora siete pronti per fare il piccolo test di chiarezza, prendendo una puntina di sapone e sciogliendola in una tazza di acqua calda:
puntina di sapone in tazzina d'acqua calda
Mescolate energicamente per far sciogliere bene il sapone e noterete che inizierà a formarsi subito la schiuma:
schiuma creata dall'energica agitazione
Attendete che finisca la reazione per vedere se l'acqua rimane cristallina e senza impurità:
acqua pura e cristallina
Il test è riuscito! L'acqua è limpida e non presenta impurità o colore di alcun genere.
STEP 6
Prima di questa fase dovete aspettare che il vostro sapone si raffreddi e si sbianchi:
sapone raffreddato
Quando il vostro sapone è ben freddo, trasferitelo in un barattolo o contenitore a voi più congeniale e prenedetene solo una parte da diluire subito. 
In questo caso io ho prelevato solo 150 g di pasta di sapone e l'ho riposta nella stessa pentola dove lo avevo cotto; poi ci ho aggiunto 450 g di acqua distillata ed ho riposto tutto sul fuoco a bagnomaria fino allo scioglimento completo.
Il rapporto di diluizione è di 3:1, cioè 3 parti di acqua ed 1 parte di pasta di sapone. Rispetto alla saponaia americana, però il mio sapone non è così denso in quanto ho utilizzato del semplice olio d'oliva e non quello extravergine!
pasta di sapone completamente sciolta
Appena si sarà sciolto completamente la vostra pasta di sapone spegnete il fornello ed aspettate che si raffreddi.
STEP 7
Quando è completamente freddo, potete travasare il vostro sapone in un flacone:
Sapone liquido
CONSIDERAZIONI PERSONALI
Innanzi tutto c'è da dire che questo sapone migliora col passare del tempo, per cui vi consiglio di non utilizzarlo immediatamente, ma di aspettare almeno un paio di settimane!
In secondo luogo è' sicuramente il miglior sapone auto prodotto per piatti che abbia mai utilizzato in questo periodo, ma facendo due conti alla mano, personalmente ritengo che sia molto costoso per essere utilizzato a tale scopo in quanto in commercio vi sono vari detergenti per piatti del tutto Eco-Bio con costi veramente apprezzabili.
In ogni caso trovo che questo sapone, invece, può sostituire tranquillamente il sapone solido per lavatrice, poichè non solo non lascia quell'odore di olio rancido sui panni più delicati e scuri, ma anche a temperature bassissime viene facilmente diluito durante il lavaggio senza lasciare aloni o striature di alcun genere. Se poi, lo abbiniamo all'ammorbidente allora vi garantisco che otterrete un bucato impeccabile che non ha nulla da invidiare a quelli fatti con detergenti commerciali e profumatissimi!
Spero che in questo procedimento non abbia tralasciato nulla, ma se così fosse fatemelo notare e mi appresterò immediatamente a correggere!

40 commenti:

  1. ciao!!!!! molto interessante questo sapone liquido!!!!! ti chiedo un parere cosa ne pensi, se lo conosci ovviamente, del sapone liquido per delicati a mano e in lavatrice fatto con il sapone Alga??? io l'ho provato e devo dire che non è male! E velocissimo da fare e non comporta l'aggiunta di nessun altro ingrediente a parte l'acqua logicamente e gli oli essenziali che vogliamo! siccome sei una vera esperta del settore mi piacerebbe sapere la tua opinione! approfitto per augurarti buon fine settimana dalla romagna!!!

    RispondiElimina
  2. Ciao Roberta
    in casa mia il sapone Alga non manca mai perchè è ottimo. Infatti quando non ho il tempo o le materie prime per farmi il sapone da sola, ovviamente prendo il mio bel panetto di Alga e procedo con la diluizione. E' economico ed efficace su tutto il tipo di bucato :-) Quindi per me è promosso a grandi voti!
    Buon weekend anche a te dalla Toscana soleggiata
    Lalla

    RispondiElimina
  3. Lalla, proverò la tua tecnica sicuramente appena finisco la pasta che ho. Comunque non hai notato reazioni particolari tra glicerina e KOH? Vado tranquilla?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ninilla vai tranquillissima!!! L'unico effetto è quello iniziale della reazione a caldo che schiuma un pò, ma niente di importante! Ormai, oltre che quello per lavatrice/piatti sto facendo sempre anche quello per doccia/shampoo ed i risultati sono sorprendenti. Un pò costoso, forse, a causa della glicerina ;-)

      Elimina
  4. Ciao, interessante il sapone alla glicerina, ma avrei una domanda: mettendo l' olio essenziale quando hai scritto si riscalda per parecchio tempo e credo che infici i suoi benefici sia a livello di profumazione che di eventuale effetto antibatterico...E' corretto? Non sarebbe meglio aggiungerlo alla fine quando è sciolto e freddo pronto da imbottigliare? Ciao

    RispondiElimina
  5. Ciao Antonella, in questo caso l'olio essenziale mi serve solo come profumo ed, infatti, utilizzando lemongrass o citronella il profumo è persistente. Nel sapone, che sia solido o liquido, le alte temperature anche del nastro distruggono sempre gli attivi degli oli essenziali, per cui a questo punto io mi accontento almeno dell'odore che lasciano. In ogni caso nel sapone liquido si può lasciare senza essenze ed aggiungerle, come dici tu, durante la diluizione della pasta di sapone, così via via puoi cambiare anche fragranza od oli essenziali :-)
    Un abbraccio
    Lalla

    RispondiElimina
  6. Ciao! Interessante sto podt! figo! mi segno la ricetta e grazie.
    Se ti fa piacere unirti al mio blog sei la benvenuta http://virginia82.blogspot.com

    RispondiElimina
  7. ciao Lalla, come mai non possiamo usarlo per le mani?

    RispondiElimina
  8. Non è che non si possa utilizzare per le mani...è che io preferisco usare saponi molto più delicati e nutrienti per la pelle perchè ho già le mani molto secche e questo sapone me le renderebbe ancora più secche, però devo dire che è eccezionale per togliere tutti quegli odori tipo aglio, cipolla e via dicendo, per cui come vedi all'occorrenza lo uso anche io. In ogni caso partendo da questa base e cambiando gli oli si può ottenere un sapone liquido come shampoo, bagnoschiuma, sapone per le mani ecc. Basta saper accostare gli oli giusti ed il gioco è fatto :-)

    RispondiElimina
  9. ottima ricettina!
    se ti va passa a trovarmi:http://viviconvivi.blogspot.it/

    RispondiElimina
  10. ciao e rieccomi con un'altra domanda :D
    la quantità di koh è a titolo 98%/99% oppure inferiore? io ho comprato il koh presso il sito percarbonatodisodio e mi sembra che il titolo sia inferiore. devo fare aggiustamenti oppure è la giusta quantità?

    grazie ancora
    dile

    RispondiElimina
  11. Ciao Diletta il mio KOH è titolato 85% per cui ho dovuto ricalcolare tutto, ma se non sbaglio quello di percarbonato.it è titolato a 98% quindi sei costretta comunque a rifare tutti i calcoli in base agli oli.
    Un bacio
    Lalla

    RispondiElimina
  12. Ciao Lalla, mi sono appena iscritta al tuo blog. Tutto molto interessante. Ti faccio i miei complimenti. Ho una curiosità a proposito di questo tutorial: premesso che se il detergente ti è venuto bene significa che le dosi erano esatte, ma tu come hai capito che il titolo del KOH del video americano era 100%? Ho acquistato il libro della Catherine Failor "LIQUID SOAPS" ma anche lei non fa alcun accenno sul grado di purezza dell'idrossido di potassio.
    Grazie.

    RispondiElimina
  13. Ciao Lucy
    l'ho dedotto dal calcolo iniziale che ho fatto per capire quale fosse il titolo di purezza dell'idrossido di potassio e dai miei calcoli è risultato che quello usato dalla soapmaker è titolato a 98%.
    Invece, quello che ho utilizzato io è all'85% per cui ho dovuto ricalcolare tutto in base a questo mio :-)

    RispondiElimina
  14. Ciao Lalla,
    sono d'accordo con le tue "considerazioni personali".Comunque sono contenta di aver provato a fare un detergente liquido.
    Ci puoi dare per favore una ricetta per fare un detergente per mani o un bagnoschiuma.
    Grazie
    Wilma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo Wilma
      spero che in questo weekend riesco a postare l'articolo sul mio personale doccia schiuma :-)

      Elimina
  15. Ciao ciccia :-) fatto !!!!! bellissimo ! Ho usato però l'evo che avevo in casa pensi che x il bucato possa lasciare odore di rancido essendo più pesantino dell'olio di oliva normale ?Quanti ml usi per la lavatrice ? non vorrei ritrovarmi il bagno pieno di schiuma .Aspetto con ansia l'articolo sul doccia-schiuma e sapone x le mani . Un bacione
    Nadia

    RispondiElimina
  16. Nadia cara non credo che i tuoi panni puzzeranno di rancido :-)
    Per le dosi bisogna sempre vedere la consistenza della diluizione. In ogni caso, in linea di massima ne servono 125 ml per lavaggio :-)
    Un abbraccio
    Lalla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho provato nel bucato . Come sempre hai ragione, cara, lava molto bene anche i colorati . Grazie mille .
      bacioni
      Nadia

      Elimina
    2. Hai visto Nadia???? Il risultato è davvero sorprendente :-)
      Baci
      Lalla

      Elimina
  17. ciao Lalla! Ho una quesito da porti prima di sperimentare questo sapone liquido, ma la glicerina come hai fatto a calcolarla?!? in che percentuale va messa rispetto agli altri ingredienti?
    grazie ciaooo rosy

    RispondiElimina
  18. Ciao Rosy
    spero che tu abbia ricevuto la mia mail
    comunque la glicerina deve risultare sempre il doppio dell'idrossido di potassio :-)

    RispondiElimina
  19. ciao io ho un problema con questo sapone. forse non è riuscito.
    ho seguito le quantità in once. era piu facile x la mia bilancia ed ho aumentato il KOH xke ho un titolo diverso dal tuo e quello della saponaia americana.
    ora fino al nastro gelatinoso mi è arrivato. l'ho messo a bagno maria x l'ora e mezza e poi ho fatto la prova. ECCO IL PROBLEMA il sapone guori dalla pentola si è indurito e messo in acqua questa diventava acqua saponata e non con bolle e poi limpida.
    l'ho rimesso a bagnomaria x un'altra oretta ma niente, ancora acqua saponata e niente limpidezza.
    l'ho lasciato stare e me ne sono andata a letto. stamattina era un mattone nella pentola. come se fosse un sapone con la soda. l'ho pian piano fatto a pezzi e messo in una vaschetta. ho lavato la pentola ed ancora acqua saponata.
    il sapone è duro, difficile da mescolare si stacca a pezzi con difficoltà.
    ora dove ho sbagliato? forse il KOH non l'ho sciolto bene e non ha amalgamato gli oli? non era abbastanza caldo il bagnomaria? BOH. mi aiuti per favore?
    grazie
    diletta

    RispondiElimina
  20. Ciao Diletta
    io credo che tu non abbia sbagliato nulla perchè devi sapere che in realtà quando la pasta di sapone si raffredda diventa dura (secondo gli oli con cui l'abbiamo fatta), quindi, io generalmente la prelevo dalla pentola quando è ancora tiepida e la travaso subito in un contenitore a chiusura ermetica schiacciandola con un cucchiao....poi aspetto che si raffreddi del tutto e chiudo il contenitore. Trascorse le due settimane passo a prendere la pasta a piccoli pezzetti per diluirla. Non rimescolo mai per non creare schiuma ed aspetto che il tutto sia sciolto completamente. La trasparenza a volte dipende dalla qualità stessa degli oli, per cui fossi in te non mi preoccuperei. Più stagiona e più migliora. Il sapone alla fine potrà essere color giallo oro oppure senape, ma non è rilevante ai fini del lavaggio. Quindi cara stai tranquilla e vedrai che sarà un sapone liquido meraviglioso :-)
    Un bacione
    Lalla

    RispondiElimina
  21. ahhh ok. quindi l'acqua che diventa "saponata" è giusto? il problema è quello non so se è fatto oppure no.
    scusami se mi ripeto ma non so davvero se è fatto bene o no

    RispondiElimina
  22. Quando sciogli la psta di sapone non devi mescolare altrimenti l'acqua ti diventa saponata :-) Lascia sciogliere tutto senza toccare nulla ed anche se alla fine risulterà un pò opaca non fa nulla. L'importante è che svolga la propria funzione. Comunque come ti ho accennato prima, dopo la stagionatura di almeno due settimane vedrai che anche l'acqua sarà più limpida perchè magari la tua pasta di sapone ha bisogno di terminare la reazione chimica ;-)

    RispondiElimina
  23. ciao Lalla come quasi tutti noi domanda:sono andata in farmacia per glicerina ma a casa mi sono accorta che mi hanno dato glicerolo non glicerina sarà la stessa cosa???e il potassio dove lo si compra e sai il prezzo?grazie e buoni esperimenti!!!!!

    RispondiElimina
  24. Glicerina e glicerolo sono la stessa cosa :-) L'idrossido di potassio invece si acquista sui siti specializzati in materie prime ed il prezzo mi sembra che si aggiri intorno ai 5 euro o poco più al kg

    RispondiElimina
  25. oggi dopo 1 anno ho riesumato il sapone messo da parte per quando non avevo un tubo da fare e l'ho diluito . non sai la meraviglia che è venuta fuori.... limpidissimo e liscissimo! ora cosa ci faccio? è un sapone da corpo o detersivo?

    RispondiElimina
  26. Ciao Diletta,
    se hai seguito questa ricetta purtroppo non è molto indicato per il corpo :-( Ma nulla toglie che le mani te le possa lavare...magari subito dopo averle asciugate ci spalmi una bellissima crema per riequilibrare sia il pH che per nutrirle :-)

    RispondiElimina
  27. Ciao Lalla.
    Ho sperimentato molto tue ricette e adesso volevo provare a fare questo detergente liquido. Purtroppo ho trovato l'idrossido di potassio con un titolo di 99%. Ho letto tutto i link ma non sono riuscita a capire come fare i calcoli per la quantità (quando si diventa vecchi.............). Mi puoi dire quanto idrossido devo mettere e se cambiano anche gli altri ingredienti?
    Grazie 1000 e Ti aspetto con altri consigli.
    Tanti auguri di Buona Pasqua.
    Silvana

    RispondiElimina
  28. Ciao Silvana
    sei molto fortunata ad aver trovato l'idrossido di potassio con il maggior grado di purezza :-)
    Per cui, ovviamente nel caso di questa ricetta, cambia solo il peso del KOH e rimangono invariati tutti i pesi degli altri ingredienti. Quindi avendo tu il KOH titolato al 99% devi usarne 85 g per questa ricetta :-) Fammi poi sapere ok?

    RispondiElimina
  29. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Lalla,complimenti x il blog tante idee carine da realizzare.
      arrivo da fb e ho visto questo detergente, io ho soda caustica casa nn so la percentuale nn è specificata.
      la mi domanda è, se volessi usare un sapone vecchio almeno di 3 anni fatto con soda caustica, x fare questo detersivo, potrei, o meglio rifare tutto? grazie 💐😊

      Elimina
  30. Cara Dany purtroppo qui si parla di sapone liquido vero e proprio, ovvero un sapone ottenuto non con soda caustica, bensì con idrossido di potassio (cioè KOH), quindi per realizzare questo sapone devi assolutamente procurarti l'idrossido di potassio.
    Sciogliendo, invece, il tuo sapone stagionato per tre anni, otterresti solo un gel di sapone con caratteristiche del tutto differenti da questo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lalla, grazie, boh avevo risposto ma nn lo vedo.
      ho provato a cercare e nn lo trovo, proverò al consorzio agrario.
      nell' eventualità sai indicarmi un sito dove posso trovarlo?
      Ho trovato il sapone alga, quello con olio di cocco, sai se posso fare qualche detergente con questo sapone?
      grazie ancora e scusa x tutte queste domande :-)

      Elimina
  31. L'idrossido di potassio lo puoi trovare presso questi siti:
    makeitlab.eu oppure percarbonato.it
    Il sapone alga, se non erro, è un sapone potassico, ovvero ottenuto dalla saponificazione di olio di cocco ed idrossido di potassio, per cui sciogliendolo puoi ottenere un sapone liquido adatto a tutte le pulizie domestiche.

    RispondiElimina
  32. Salve una domanda, per fare il salone liquido per la doccia si può avere la ricetta? Grazie

    RispondiElimina

Lasciate un commento

Licenza CreativeCommons

Licenza Creative Commons
Questa opera di Lalla è concessa in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported.
Basata su un lavoro di impatiens-magicanatura.blogspot.com.
Permessi oltre lo scopo di questa licenza possono essere disponibili presso http://creativecommons.org/.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...