martedì 19 marzo 2013

OLIO DI LiMonoi

Olio di LiMonoi
Ultimamente sto utilizzando spesso l'olio di Monoi dal profumo esotico, dolce e delicato che mi riporta con la fantasia in terre lontane che evocano in un certo qual modo il sapore dell'estate e delle vacanze.
Pensandoci bene, però, anche il nostro Bel Paese evoca le stesse sensazioni se solo pensiamo al mare, alle pinete ai nostri frutti prelibati e, cosa c'è di più delizioso degli agrumi che coi loro colori ed il loro profumo rallegrano le nostre tavole? Ovviamente ispirandomi all'originale olio di Monoi ho voluto ricreare in casa un olio/burro che racchiudesse il colore e l'odore della nostra amata Italia. Niente di più semplice!
Limoni di coltivazione biologica
OLIO DI LiMonoi
Scorze di limone pelate
  • 100 g di scorze di limone bio
  • 60 g di olio di semi di girasole
  • 40 g di olio di cocco
  • 0,6 g di o.e. benzoino o 2,5 g di Vitamina E
Dopo aver lavato e pelato i limoni cercando di non prelevare anche la parte bianca, ponete le scorze nel Bimby (o altro frullatore) e tritatele a velocità 10 per circa 10 secondi.
Aggiungete l'olio di semi di girasole ed impostate il Bimby a 50°C di temperatura, velocità 4 per 10 minuti. Fatto questo aggiungete ora l'olio di cocco ed impostate il Bimby come sopra ma questa volta per 30 minuti. Trascorso il tempo, raccogliete la vostra poltiglia e travasatela in un comune pentolino o contenitore di vetro che andrete a porre su una fonte di calore (40°/50°C circa) senza coperchio per circa 8/10 ore. Filtrate il composto quando è ancora caldo strizzando bene le scorze di limone. A questo punto prendete una bottiglia di plastica nella quale verserete il vostro liquido e cercate di porla in frigorifero capovolta, cioè a testa in giù per una notte intera. Il giorno dopo vi ritrovate questa soluzione:
Fase acquosa in basso e fase grassa solidificata in alto
Come noterete, l'acqua si è depositata sul fondo, invece la soluzione grassa che è solida è rimasta sospesa sull'acqua. Ora vi sarà facile aprire il tappo della bottiglia e far defluire così l'acqua in eccesso. A questo punto non vi rimane altro che tagliare la bottiglia e prelevare il burro/olio al quale darete una botta di fruste aggiungendoci l'antiossidante. Ponete per una decina di minuti in freezer il contenitore del vostro burro/olio il quale tenderà leggermente a sbiancarsi. Fatto questo date un'ultima frullatina e chiudete il vostro barattolo con il vostro olio di LiMonoi.
Olio di Limonoi
L'odore è magnifico!!!
Questo semplicissimo ingrediente è particolarmente indicato nella creazione di balsami e shampoo in quanto l'azione astringente e schiarente del limone contrasta forfora e cute grassa; non solo....ma può essere anche inserito in una crema schiarente e leggermente esfoliante per combattere quelle antiestetiche macchie scure di melasma; Nelle creme mani è eccellente andando a rinforzare le unghie. Insomma è un prodotto piuttosto versatile, ma mi raccomando quest'olio tende ad abbassare il pH dei vostri cosmetici per cui occhio!!! Tanto sapete come fare per correggere questo piccolo inconveniente!
Facile no?

52 commenti:

  1. Già sento il profumo... che meraviglia! :)

    RispondiElimina
  2. Ho la casa invasa da questo odore :-)

    RispondiElimina
  3. È vero che la fantasia non ha limiti. Complimenti!!!

    RispondiElimina
  4. Grazie :-) è vero la fantasia non mi manca...sono peggio dei bambini :-)

    RispondiElimina
  5. BELLISSIMA ED UTILISSIMA RICETTA!!!!LALLA DOMANI SERA LA METTO IN PRATICA E TI FO' SAPERE!!!!COME AL SOLITO.....SEI MITICA ;) GRAZIE!! carolina

    RispondiElimina
  6. ahahahahahah grazie
    Mi raccomando segui tutte le istruzioni per bene ;-)

    RispondiElimina
  7. Meraviglia Lalla ( ps: voglio il bimby!)

    RispondiElimina
  8. Ninilla il Bimby è il plus ultra degli elettrodomestici. Io con quello ci faccio praticamente tutto e la prossima volta lo testerò per fare il sapone ahahahahah

    RispondiElimina
  9. La signora che mi ha venduto il bimby, sapendo che mi auto-produco i cosmetici, mi ha raccontato che una signora se l'è comprato proprio per fare il sapone e ci si trova benissimo! *__*

    RispondiElimina
  10. Buono a sapersi, perchè ho veramente intenzione di testarlo ahahahahahahah

    RispondiElimina
  11. questa è una ricetta unica e poi il nome ci esorta a creare tante altre versioni...grazie Lalla per la meravigliosa ricetta come tutte le altre!!!

    RispondiElimina
  12. Infatti si può partire tranquillamente da questa base per creare in casa tantissime versioni di oli/burri profumati anche perchè la primavera sta per donarci tutte le meraviglie di cui abbiamo bisogno :-)

    RispondiElimina
  13. bella idea , ma per chi non ha il Bimby? come si può fare?
    Grazie Marisa

    RispondiElimina
  14. Basta frullare con un semplice tritatutto e poi passare a scaldare dolcemente a bagnomaria o semplicemente su un termosifone...il risultato non cambia.
    Fammi sapere come ti viene se decidi di farlo ok?

    RispondiElimina
  15. Davvero stupenda questa ricetta!!!!! L'unica cosa che mi perplime, è il trovare un luogo con una temperatura costante fra i 40° ed i 50° per 8/10 ore... :P
    Comunque si sente il profumo fino a qui!! *_*

    RispondiElimina
  16. Potrei consigliarti un bagno maria dolcissimo...però immagino che 8 ore sono davvero tantissime. Oppure se hai una yogurtiera ;-)

    RispondiElimina
  17. Lalla ciao , grazie per la ricetta e complimenti ..
    come la vedi se sostituisco il limone con l arancio ?
    Marghe

    RispondiElimina
  18. Ciao Marghe
    puoi tranquillamente sostituire con arancio, mandarini, lime, bergamotti, pompelmi, cedri e con qualsivoglia agrume, ma non solo....puoi anche sfruttare dei fiori profumatissimi, o bacche di vaniglia o anche cannella....insomma dai il via alla tua fantasia per ottenere dei burri deliziosi! Se utilizzi piante fresche e piuttosto acquose ricordati di procedere con la bottiglia capovolta in modo tale da far defluire l'acqua in eccesso dopo la solidificazione del burro.
    Un bacio
    Lalla

    RispondiElimina
  19. Lalla osso chiederti se al posto del olio di cocco(di cui al momento sono sprovveduta)posso utilizzare il burro di cocco?quindi da fare tutto contemporaneamente sia burro di cocco che limonoi?

    RispondiElimina
  20. Certo che puoi usare il burro di cocco....anzi è anche meglio :-)

    RispondiElimina
  21. Ciao Lalla, ti ho appena scoperta e mi piace veramente tanto il tuo blog........adoro lateralmente tutto ciò che è aggrumato e vorrei proprio fare questa riccettina, ma ho un piccolo dubbio da sottoporti. io non non ho l'olio essenziale di benzoino, se al posto di quello x fissare il profumo mettessi alcool buongusto ,cambia qualcosa?
    Grazie Daniela

    RispondiElimina
  22. Ma no Daniela, puoi fare tranquillamente a meno dell'alcool, tanto in questo caso il profumo di limone si sente tantissimo anche senza benzoino o alcool :-)
    Ciao
    Lalla

    RispondiElimina
  23. Si può usare come antiossidante olio di rosa mosqueta? :-)

    RispondiElimina
  24. Ma no, sarebbe uno sputo alla miseria. Meglio la vitamina E come antiossidante :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho olio di rosa mosqueto ma non sopporto l'odore e volevo mescolarlo con qualcosa ... :-(

      Elimina
  25. Ciao MaestraMaya
    allora fai una cosa...inserisci l'olio di rosa mosqueta al posto dell'olio di girasole che indico per questa ricetta così almeno lo sfrutti e non sentirai più quell'odore che ti infastidisce :-)

    RispondiElimina
  26. Di nulla cara
    quando vuoi sono qui :-)
    Lalla

    RispondiElimina
  27. Bello vero? Pensa che puoi adottare lo stesso sistema con tutti gli altri agrumi :-)
    Lalla

    RispondiElimina
  28. Ciao Lalla! Ricetta fantastica! Profumo e consistenza.....e tutto, insomma! Posso utilizzare le scorze di limone che ho strizzato? mi veniva in mente magari uno scrub....anche per il viso?...oppure? (sai com'é, il mio motto é "non buttare niente" e forse mi ci sono un po' troppo intrippata! ahahah)
    grazie mille
    Leda

    RispondiElimina
  29. Certo che si possono riutilizzare per uno scrub: se ci aggiungi una bella presa di zucchero diventano un ottimo scrub per viso-corpo; con una manciata di sale grosso, invece, puoi strofinarle sulla cute prima di uno shampoo (specie in presenza di capelli grassi); oppure le puoi mettere in soluzione alcolica a 60° per ricavare una deliziosa essenza da aggiungere in piccole gocce ai tuoi prodotti cosmetici per una profumazione tutta naturale. Insomma puoi riciclarle come più ti aggrada :-)
    Un abbraccio
    Lalla

    RispondiElimina
  30. Sei mitica! Grazie mille!
    Leda

    RispondiElimina
  31. Huuu! Ma ho solo l'alcol a 95...come posso fare?
    Leda

    RispondiElimina
  32. Leda qui: http://impatiens-magicanatura.blogspot.it/p/le-tinture.html trovi la tabella per diluire l'alcool con la gradazione che ti occorre :-)

    RispondiElimina
  33. Ciao Lalla, ho fatto ieri sera il limonoi. Che profumo meraviglioso, ho provato ad usarne un pò sulle mani e dà una sensazione meravigliosa. Ora ti chiedo un consiglio perchè volevo fare una crema per il viso per mia nipote che ha 19 anii e ha la pelle del viso delicata ma in alcuni punti con dei brufoli. Le avevo fatto provare la crema barriera Manteca, ma mi ha detto che la unge troppo. Siccome ancora non sono in grado di formularne da me, ti chiedo gentilmente se mi puoi dare qualche dritta. Non so come ringraziarti per le PREZIOSISSIME indicazione che mi dai e che dai a tutti noi.
    PS ieri ho preparato per una mia collega per l'Herpes simplex l'olio d'iperico con il benzoino e tea tree oil e dopo circa un'ora che se lo era messo già stava meglio.Sei mitica. Grazie per questo lavoro che fai.
    E' splendido poter fare da noi, con i prodotti naturali queste cose, e mandare a quel paese tutto questo consumismo folle.
    Grazie e ciao
    Maria Grazia

    RispondiElimina
  34. Cara la Manteca per il viso è davvero pesante. Pensa che io pur avendo una pelle secchissima la uso all'occorrenza in piccolissime dosi sul contorno occhi e labbra. Però, per esempio, il LiMonoi può essere tollerato benissimo da una pelle giovane :-) In ogni caso per qualsiasi dubbio lo sai che puoi contattarmi sulla mia mail :-)
    Un abbraccio
    Lalla

    RispondiElimina
  35. brava Lalla
    non smetto di farti i complimenti per gli utili consigli che dai
    Paola

    RispondiElimina
  36. ho fatto una cosa simile (puro olio di cocco, senza girasole) con lavanda, vaniglia e thè..l'odore è magnifico, ora lo utilizzo al posto dell'olio di cocco nelle mie preparazioni. L'abitudine di fare oleoliti in olio di cocco è poco diffusa qui in italia ma la mia idea è stata:"se ci fanno l odio di monoi posso farci quel che voglio", sicuramente riprodurrò questa tua versione al limone, l'odore di cocco e limone insieme è qualcosa di indescrivibile. Complimenti =)

    RispondiElimina
  37. Infatti Kety ho fatto lo stesso tuo ragionamento e poi l'olio di cocco puro macerato con le erbe è fantastico nei saponi in quanto trattiene anche il colori naturali che la soda caustica in questo caso non denatura :-) Prova a fare quello di alloro e vedrai come è strepitoso :-)

    RispondiElimina
  38. Salve ...i miei complimenti sinceri per il tuo blog !!!Non avendo il Bimby, vorrei sapere quanto tempo devo tenere sul fuoco a bagnomaria le bucce !!! La yogurtiera la devo tenere aperta o chiusa?? Se dovessi utilizzare i fiori secchi di lavanda,in quale quantità ne devo mettere???
    Inoltre , nel tuo libro si trovano anche queste bellissime ricette??
    Spero tu possa rispondermi. Grazie anticipatamente.

    RispondiElimina
  39. Ciao
    devi fare in modo che il composto stia sempre al caldo per almeno 8 ore, quindi, dopo circa un'ora di bagnomaria dolce dolce, spegni il fornello e lascia il contenitore nel bagno caldo. Quando si è raffreddato, riaccendi nuovamente il fornello e lasci cuocere per un'altra oretta. Procedi in questo modo per almeno tre volte. Se lo fai in yogurtiera tienila chiusa.
    Nel mio libro si parla solo di saponi liquidi ed ho preferito porre maggiore attenzione alla parte teorica. Nulla toglie che un domani possa scrivere un altro libro, magari con ricette semplici da produrre in casa :-)

    RispondiElimina
  40. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  41. Grazie mille per la tua risposta tempestiva!!
    Oggi stesso proverò a farlo!!
    A presto!!

    RispondiElimina
  42. scusate ma se io non ho o.e. e tocoferolo...posso aggiungere al posto suo l,olio di riso k contiene la vitamina E? grazie

    RispondiElimina
  43. Ciao Tatjana,
    puoi omettere il tocoferolo, però ti consiglio di conservare queto "burro" in freezer così non avrai bisogno di antiossidanti :-)

    RispondiElimina
  44. :))) bella soluzione.a sto punto ordino tutto k conviene.grazie.sei srmpre gentile.

    RispondiElimina
  45. :))) bella soluzione.a sto punto ordino tutto k conviene.grazie.sei srmpre gentile.

    RispondiElimina
  46. Congelare i burri è sempre la migliore soluzione :-)
    Un bacio

    RispondiElimina

Lasciate un commento

Licenza CreativeCommons

Licenza Creative Commons
Questa opera di Lalla è concessa in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported.
Basata su un lavoro di impatiens-magicanatura.blogspot.com.
Permessi oltre lo scopo di questa licenza possono essere disponibili presso http://creativecommons.org/.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...