domenica 23 dicembre 2012

DETERGENTE LIQUIDO PER I PIATTI


Sapone liquido per piatti e...non solo

Il procedimento per ottenere un sapone liquido è totalmente differente da quello per ottenere un sapone solido. Innanzitutto c'è da dire che nei saponi solidi noi utilizziamo la soda caustica NaOH per saponificare, mentre per quelli liquidi si utilizza l'idrossido di potassio KOH.
Al capitolo 9 del libro di Patrizia Garzena "Il tuo sapone naturale" viene spiegato alla perfezione il procedimento per ottenere un sapone liquido. Procedimento abbastanza lungo e complesso se si è alle prime armi e se purtroppo non si ha molto tempo a disposizione. Già...il tempo purtroppo per me gioca sempre a sfavore, quindi non avrei mai pensato di cimentarmi nella produzione di saponi liquidi sino a che parlando con  Marisa non è venuto fuori questo interessante video :

L'ho guardato attentamente e la cosa che più mi ha affascinata è stato proprio il tempo di produzione di tale sapone. Solo un'ora e mezzo di cottura!!!! Magnifico!!!
Dunque vediamo un pò di trascrivere la ricetta della nostra gentile saponaia che ha condiviso questo video con tutti noi.
SAPONE DI CASTGLIA
  • 6 oz glicerina
  • 3 oz KOH
  • 13 oz olio d'oliva
  • 1,5 oz olio di cocco
  • 1,5 oz olio di ricino
Tradotto in grammi la ricetta diventa:
  • 170,1 g glicerina
  • 85,05 g KOH
  • 368,54 g olio d'oliva
  • 42,52 g olio di cocco
  • 42,52 g olio di ricino
Se rifacciamo i calcoli della SAP per il KOH noteremo che in realtà servirebbero 88,7 g di KOH, quindi la nostra saponaia ha fatto uno sconto del 2-3% /secondo il mio calcolatore).
Il mio idrossido di potassio però ha un titolo di purezza dell'85% quindi ho dovuto applicare una semplice formula matematica per ottenere esattamente i grammi da utilizzare nella mia ricetta e quindi ho fatto:
(88,7 : 85) x 100= 104 g di KOH che scontati del 3% mi diventano 100g (arrotondati per difetto).
Ho seguito alla lettera tutto il procedimento che vedete nel video tranne l'aggiunta da parte mia di 10 ml di o.e. di lemongrass ed ho ottenuto finalmente la mia pasta di sapone:
pasta di sapone
Dopo di che son passata alla diluizione secondo il consiglia della nostra saponaia e cioè con un rapporto di 1:3, quindi ho preso 50 g di pasta di sapone
50 g di pasta di sapone
 e li ho diluiti con 150 g di acqua distillata, lasciando scaldare dolcemente sul fuoco a fiamma leggerissima e rimescolando continuamente.
pasta di sapone e acqua
Appena il composto me lo ha permesso, ho travasato tutto in un flacone
sapone liquido
Ho atteso due settimane prima di utilizzarlo e nel frattempo ho notato che il liquido è diventato della stessa e identica consistenza dei comuni detergenti liquidi. L'odore, grazie al lemongrass è meraviglioso ed il risultato sulle stoviglie è a dir poco strepitoso!!!
stoviglie e sapone liquido

Immaginavate che facesse tanta schiuma??? Io no e con mia grande sorpresa invece ho constatato che questo sapone fa una bella schiuma ricca e profumata.
tazzine di vetro
Questo è il risultato sulle mie tazzine di vetro che ho lasciato asciugare nello sgocciolatoio senza passarci alcun pannetto. Come vedete non ci sono patine di alcun genere nè aloni di unto! 
accessorio in acciaio
Anche sull'acciaio ho ottenuto lo stesso risultato di brillantezza....anche in questo caso per verificare il potere sgrassante e lucidante di questo sapone ho lasciato solo asciugare nello sgocciolatoio senza passare il pannetto ed anche qui, a parte i graffi, non vi sono aloni di alcun genere.
Che dire!!! Io sono finalmente soddisfatta di aver realizzato questo detergente liquido perchè con tutta franchezza col sapone solido e poi successivamente diluito non avevo gli stessi risultati. Anzi!!! Tutto il contrario! Mi ritrovavo le ceramiche, le posate, le pentole ed i cristalli untuosissimi e sempre ricoperti da una patina biancastra tanto che ero costretta sempre a rilavare con un comune detergente per piatti commerciale eco-bio. Ma ora mi son tolto, per così dire, anche quest'altra spesa e...peso!
Non contenta, ho utilizzato questo detergente anche in lavatrice per i panni di lana lavati con acqua fredda e poi l'ho anche usato in lavastoviglie dove all'ultimo risciacquo ci ho aggiunto 50 g di aceto bianco....anche in questi due casi il risultato non mi ha delusa affatto.
Ora sta a voi saponai esperti a provare questa fantastica ricetta e magari a condividere i vostri risultati.

Potete trovare tutto il procedimento passo passo qui




50 commenti:

  1. Già ti adoriamo come persona ma se dai queste ricette uniche, interessanti e ricche posso solo dire che Ti Amiamo cara nostra amica...ricetta semplice, facile e da provare grazie Lalla.

    RispondiElimina
  2. Grazie tesoricchi!!!! :-)

    Mi raccomando seguite alla perfezione il video e se avete qualche dubbio chiedete prima di cimentarvi a farla ok???
    Un baciotto
    Lalla

    RispondiElimina
  3. Complimenti lalla è finita l era dei detersivi chimici !

    RispondiElimina
  4. Marisa se non fosse stato per te non avrei mai scoperto questa preziosa ricetta. Quindi ti ringrazio ancora una volta per il tuo notevole contributo e per tutto l'aiuto che mi hai dato insegnandomi un sacco di malizie.
    Grazie cara
    Un bacio grande
    Lalla

    RispondiElimina
  5. finalmente un sapone ecobio a tutti gli effetti e decisamente efficace dalle foto! il tuo blog è sempre fonte di ispirazione, e la passione si vede:)
    Ecchi

    RispondiElimina
  6. Ciao Ecchi non immagini di quanto io sia contenta di questo risultato perchè ero veramente stressata dal fatto che non riuscivo a trovare una giusta soluzione per le mie stoviglie.

    Un bacione e Buon Anno
    Lalla

    RispondiElimina
  7. Ciao Lalla dove trovo l'idrossido di potassio koh?
    non vedo l'ora di fare questo detergente!!

    RispondiElimina
  8. e devo per forza usare questi 3 oli o anche uno solo?

    RispondiElimina
  9. Ciao cara
    l'idrossido di potassio KOH lo trovi qui: http://percarbonato.it/index_file/Page596.htm

    Io, per andare sul sicuro ho seguito pari pari la ricetta, ma nulla toglie che si possa fare con un solo olio, per esempio quello d'oliva, ma a questo punto non so se la resa è identica perchè sappiamo che sia il cocco che il ricino producono tanta bella schiuma. Non ti resta che sperimentare.
    Intanto ti auguro un meraviglioso anno nuovo
    Lalla

    RispondiElimina
  10. ..Ciao Lalla,
    sono Wilma e ti volevo chiedere un paio di cose prima di provare questa ricetta.grazie
    1. avendo KOH a 90% devo mettere 95gr di KOH?
    2. 200°f sono 95°c?
    3. a quanti gradi devono essere gli oli(step 3)?
    4. posso usare una pentola di acciaio inox per fare questa ricetta?
    Ti voglio ringraziare di cuore perchè condividi le tue "creature" con tutte noi.

    RispondiElimina
  11. Ciao Wilma
    sì 95 g di idrossido di potassio KOH sono quelli che tu devi utilizzare in questa ricetta. Per quanto riguarda i gradi celsius anche lì il tuo calcolo è esatto 95/100°C
    Gli oli, invece dal video non si capisce se vengono scaldati oppure no, per cui io ho solo scaldato leggermente solo per fondere l'olio di cocco e poi quando la mia soluzione caustica era pronta ho aggiunto negli oli ed ho iniziato a frullare col minipimer sino a che l'eletrodomestico non ce l'ha fatta più...Ho proceduto a mano con un mestolone di legno e poi ho passato tutto nel bagnomaria per la cottura. Il tutto in pentole di acciaio inox.
    Spero di averti dato le indicazioni che cercavi e poi mi raccomando sono curiosa di sapere come ti è venuto ;-)
    Grazie
    Lalla

    RispondiElimina
  12. carinissimo blog, iscritta! ♥ ♥ ♥ passa da me se ti va ♥

    http://live-the-life--cosmetici.blogspot.it/

    RispondiElimina
  13. Grazie cara
    Visita ricambiata
    Un bacio e un milione di auguri di buon anno :-)
    Lalla

    RispondiElimina
  14. Ciao Lalla,
    essendo io ancora una principiante nel fai-da-te e visto che tu hai realizzato già questa meraviglia con successo, non ti andrebbe di scrivere passo passo i vari procedimenti? So che c'è il video e l'ho anche visto, ma mi sentirei più sicura nel leggere il procedimento. Ovviamente solo se ne hai voglia e quando hai tempo, non voglio approfittare troppo della tua gentilezza. Sempre grazie per tutti i tuoi consigli. Un bacione.
    Laura

    RispondiElimina
  15. Cara laura, ci avevo pensato a postare un articolo con la spiegazione passo passo per realizzare questo sapone, per cui se avrai pazienza lo farò quanto prima. Purtroppo mi devo assentare per una settimana a causa del lavoro, ma ti prometto che appena rientro scriverò un altro articolo, corredato di tutte le foto per spiegarvi bene il procedimento. Per il momento ti saluto e ti abbraccio
    Lalla

    RispondiElimina
  16. Wow grazie infinite Lalla
    un abbraccio a te
    Laura

    RispondiElimina
  17. ciao Lalla ho ricevuto l idrossido di potassa,ora posso provare a farlo anch io,che bello!anch io ti faccio uina richiesta,potresti pubblicare in italiano la ricetta sel sapone di glicerina?sempre della stessa autrice.grazie infinite.un grosso bacio.

    RispondiElimina
  18. Ciao Teodora...certo che pubblicherò l'articolo tutto in italiano seguendo passo passo la ricetta originale. Peccato che sono imbranata a caricare un video...altrimenti sarebbe tutto più semplice :-)
    Un bacione ate cara
    Lalla

    RispondiElimina
  19. Ciao Lalla,ma la soluzione caustica è preparata con la glicerina ?mi sembra da capire così dal video...buona serata

    RispondiElimina
  20. Sì sì....la soluzione caustica è preparata con sola glicerina
    Ciauuuuuuuu
    Lalla

    RispondiElimina
  21. fantastica questa ricetta...cercavo un buon sapone piatti fai da te e finalmente l'ho trovato, grazie! Oggi mi cimento subito...una sola domanda, la pasta di sapone che poi diluisci, dove la conservi e per quanto tempo?

    RispondiElimina
  22. Ciao Dony
    generalmente conservo la pasta di sapone nei piccoli secchielli dello yogurt da 1 kg e non ha problemi di conservazione perchè è già un sapone.
    Spero di averti aiutata :-)
    Lalla

    RispondiElimina
  23. Buonasera,
    Volevo provare con questa ricetta, ho visto che lo hai usato anche in lavastoviglie.
    Per quest'ultima quanto ne hai messo? hai riempito la vaschetta? e per il lavaggio manuale lbasta un cucchiaino da caffè?
    Scusa le domande ma visto la bella schiuma non vorrei ritrovarmela per casa..... hoi hoi... poi a rassettare tutto!!!!
    Complimenti per gli articoli pubblicati.. stò aspettando che sia pronto "l'infuso" ai chiodi di garofano, anch'io amante del caffe ho provato la tua ricetta....Spettacolo!!!!

    RispondiElimina
  24. Ciao Titty75, nella lavastoviglie ho riempito la vaschetta e poi al posto del brillantante ci ho messo l'aceto che contribuisce anche ad ammazzare la schiuma, per cui non mi son ritrovata con la casa invasa dalla schiuma ahahahahah
    Per il lavaggio manuale, invece ce ne vuole un pò di più e la spugnetta deve essere sempre ben pulita e detersa.

    Allora dimmi ti è piaciuto il risultato che hai ottenuto con l'oleolito di caffè??? Io lo adoroooooooo
    Un abbraccio
    Lalla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è fantastico! Profumo inebriante, energico, vivo..... in poche parole caffè!
      Adesso voglio provarlo in qualche crema.
      Ieri sera ho preparato il detergente per stoviglie.. adesso aspetto 20 giorni e poi vediamo, sono curiosa anche perchè alla mia autoproduzione mancano questo detergente ed uno valido per lavatrice.
      Un baciotto e grazie.

      Elimina
  25. Bene sono contenta davvero che ti sia stata d'aiuto per queste tue nuove produzioni.
    Buona domenica
    Lalla

    RispondiElimina
  26. Ciao tesoro ti scrivo qui perchè non ho trovato post riguardanti il sapone liquido per la lavatrice.
    Dunque il mio dubbio amletico è questo: ho finalmente fatto il mio primo sapone di marsiglia per il bucato,( ho aspettato il tempo di stagionatura e poi ridotto in gel) con risultati soddisfacenti (almeno per me), c'è un piccolissimo problemino però, quando faccio la lavatrice di panni scuri...una volta asciutti trovo striature evidenti di detersivo e la cosa mi delude tantissimo...che fare??? ti ringrazio anticipatamente, un bacione forte forte, Kenya

    RispondiElimina
  27. Ciao Kenia
    spero che tu abbia seguito i miei consigli telefonici ahahahahah
    Comunque elimina del tutto dai tuoi additivi qualsiasi amido che purtroppo ostruiscono sia il filtro che le tubature raccogliendo nel "blob" gelatinoso qualsiasi tipo di rifiuto...peli, sassolini, sabbia ecc. ecc.
    L'amido in lavatrice o in lavastoviglie non serve a nulla se non a creare inutili disagi!
    Un abbraccio piccola

    RispondiElimina
  28. Buongiorno Lalla! è una ricetta stupenda e mi sto attrezzando per trovare tutti gli ingredienti necessari! Ho solo un dubbio: quando posso aggiungere l'olio essenziale? Grazie! Stefania

    RispondiElimina
  29. Ciao Stefania
    in questo caso gli oli essenziali puoi aggiungerli direttamente negli oli prima di unirli alla soluzione caustica.
    Un bacio
    Lalla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lalla, gentilissima! Sono riuscita a reperire tutti gli ingredienti e sono ormai pronta per l'esperimento! Ho un solo dubbio: si deve usare l'olio di oliva o si può utilizzare anche quello extra-vergine? Grazie ancora! Stefania

      Elimina
    2. Personalmente, considerando che non è tra i saponi più economici preferisco utilizzare il semplice olio d'oliva, il quale lo utilizzo per saponi per il viso e corpo, ma nulla vieta che tu in questa ricetta possa usare l'olio EVO.
      Un bacio

      Elimina
    3. Buongiorno Lalla, scrivo per aggiornarvi e riportare la mia esperienza anche agli altri, magari può tornare utile! Ho provato a fare il sapone con l'EVO (ho usato questo perché era in super offerta e costava addirittura meno dell'olio di oliva), ma i risultati non sono stati soddisfacenti. Ho seguito tutti i passaggi del video e non ho ben capito cos'è andato storto. Comunque, dopo la prima ora e mezza la pasta di sapone risultava molto scura (ho pensato fosse dovuto all'olio extravergine) e non ha superato il test di limpidezza (l'acqua diventava biancastra e opaca), perciò ho continuato a farla cuocere ripetendo più volte il test. A un certo punto, dalla pasta scura usciva una sostanza bianca e "bollicinosa" che, mescolando, si amalgamava perfettamente al resto dell'intruglio. Non so, ma è normale?? Dopo quattro ore ho desistito! Ho aspettato per vedere il risultato a freddo e ho ottenuto una pasta simil-caramello. Il giorno dopo sono passata alla diluizione e adesso ho un detersivo liquido e marroncino. Non so se è meglio buttare via tutto o utilizzarlo lo stesso. Comunque non rinuncio a questa stupenda ricetta, ci riproverò di sicuro con l'olio di oliva! Grazie ancora! Stefania

      Elimina
    4. Ciao Stefania, non ho ben capito se hai utilizzato solo ed esclusivamente olio EVO per questa ricetta oppure ci hai aggiunto anche l'olio di cocco e quello di ricino.
      Poi un'altra domanda: Ha cotto a bagnomaria oppure direttamente sulla fiamma?
      Perdonami se ti faccio queste domande, ma vorrei capire cosa è andato storto nel tuo sapone. In ogni caso non buttare via nulla...è pur sempre un sapone che magari adopererai per lavare stracci e panni vecchi.
      A proposito la sostanza bianchiccia sicuramente è glicerina in quanto l'olio EVO ne è ricchissimo!
      Aspetto tue notizie :-)

      Elimina
    5. Ho usato tutti e tre gli oli indicati in ricetta, seguendo le stesse dosi, ma ho fatto cuocere direttamente sulla fiamma bassissima. Andava invece a bagnomaria?? Se così fosse, sarebbe stupendo, perché allora l'errore sarebbe quello, e dunque facilmente risolvibile! Grazie per la disponibilità e la pazienza!

      Elimina
    6. Ecco che si è scoperto l'arcano. Immaginavo che tu lo avessi cotto su fiamma diretta perchè lo stesso risultato lo aveva ottenuto un'altra ragazza che ha fatto il tuo stesso errore. Purtroppo dal video si vede solo la cottura fatta in uno di quei contenitori su piastre elettriche o addirittura è proprio il bollitore elettrico. Da parte mia e, per questo mi dispiace, ho omesso di dire che in realtà io l'ho cotto a bagnomaria.
      Comunque, come ti avevo già scritto non buttare via nulla perchè se non altro utilizzerai questo sapone per i panni e gli stracci.
      Perdonami per la mia "omissione"
      Un bacio
      Lalla

      Elimina
    7. Ah, meno male! Allora non mi resta che riprovare (appena avrò rimpinguato la scorta di glicerina) procedendo con il bagnomaria!! Nel frattempo studierò un modo per utilizzare il sapone "stracotto", ehehe!
      Grazie ancora Lalla, sei stata preziosissima come sempre!
      Stefania

      Elimina
    8. Dagli errori si impara sempre, ma non si butta via nulla perchè in un modo o nell'altro troviamo comunque il sistema per riciclare i nostri intrugli :-)
      Un bacione
      Lalla

      Elimina
  30. mi piacerebbe molto fare questa ricetta ma sfortunatamente non capisco l'inglese.... aiutatemi per favore....!!!

    RispondiElimina
  31. Ciao Patrizia
    avevo promesso anche ad altre ragazze che avrei spiegato il procedimento passo passo per realizzare questa ricetta, per cui sto solo aspettando di rifare questo sapone per fotografare e spiegare ogni punto con chiarezza.
    Un saluto
    Lalla

    RispondiElimina
  32. salve Lalla, sono già un pò di volte che passo di qui e mi unisco ai ringraziamenti per le tue ricette....io sono ancora alle prime armi solo un paio di saponi fatti con la soda ed un piccolo "tenero" oserei dire tentativo di sapone (saponettina quadrata di 3 cm di lato)fatto con lisciva di cenere ed olio extra vergine, che non indurisce, ma lava benino con una schiumetta niente male
    mi interessa molto questa tua ricetta ed appena potrò dotarmi di KOH la proverò, ciao andrea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Andrea se avrai difficoltà non esitare a chiedere ok?
      Un bacio
      Lalla

      Elimina
  33. complimenti . ricetta davvero unica . pensi che questo sapone liquido possa andare bene anche per uso personale ( tipo viso e mani ) ? ovviamente con fragranze o o.e. adatti allo scopo . glicerina e olii dovrebbero essere delicati anche per la nostra pelle . cosa pensi ? nadia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nadia questo sapone in realtà non è molto adatto per viso e mani perchè è piuttosto caustico, ma se avrai pazienza a giorni ne posterò uno che è adatto proprio come doccia schiuma delicato con il quale potrai farti lo shampoo, o usarlo per le mani o addirittura per il viso.
      Buona domenica
      Lalla

      Elimina
  34. ciao magnifica spiegazione! volevo chiedere una cosa secondo te è possibile sostituire l'acqua con la glicerina per sciogliere il koh anche per i detergenti per la cura della persona?
    e se si raddoppiassero le quantità che hai dato in questa ricetta, ci vorrebbe il doppio di tempo in fatto di cottura ( qundi 3 ore) oppure rimane fissa l'ora e mezza?

    grazie mille per l'info!
    dile;D

    RispondiElimina
  35. Ciao Diletta
    questa base di sapone ci permette tranquillamente di sostituire gli oli o raddoppiare le dosi senza aumentare la cottura. Quindi il tempo è sempre lo stesso. Per quanto riguarda la glicerina, io ormai la sto utilizzando sempre per fare il sapone liquido anche per il corpo utilizzando il KOH.

    RispondiElimina
  36. Ciao, ho scoperto da poco il tuo blog e ho trovato molte cose interessanti, faccio il sapone per lavatrice, per il corpo, shampoo solido, ecc ma per il sapone piatti non ho ancora trovato la "magica" ricetta, nemmeno sul libro di Veggie...anch'io sono un po' scarsa con l'inglese e non vorrei sbagliare nell'eseguire la ricetta, mica poi per caso l'hai tradotta a uso e consumo di chi non sa l'inglese?
    Ancora complimenti e grazie per la risposta, mi piacerebbe proprio riuscire a fare anche questo e non comprare più nessun detergente!Giulia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giulia, ti rimando a quest'altro articolo dove troverai esattamente la spiegazione : http://impatiens-magicanatura.blogspot.it/2013/05/detergente-liquido-come-realizzarlo.html

      Elimina
  37. Ciao Lalla, molto interessante questa ricetta.
    Anche io da qualche anno sto producendo saponi per lavatrice liquidi e in polvere, shampoo, bagnoschiuma che uso anche per le mani.
    Mi mancava proprio un sapone per piatti: ho provato più volte ma con risultati sempre deludenti.
    Ho provato a fare il sapone a caldo (ricetta presa dal libro di Garzena) ma non ho mai ottenuto un sapone trasparente.
    I migliori risultati li ho ottenuti con il metodo a freddo.
    Mi chiedevo se la ricetta che proponi si può realizzare con il metodo a freddo in cui mi sento più sicura.
    Grazie e complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Danila
      non so se si può realizzare a freddo...Dovrei provarci prima di darti un'eventuale conferma :-(

      Elimina

Lasciate un commento

Licenza CreativeCommons

Licenza Creative Commons
Questa opera di Lalla è concessa in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported.
Basata su un lavoro di impatiens-magicanatura.blogspot.com.
Permessi oltre lo scopo di questa licenza possono essere disponibili presso http://creativecommons.org/.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...