sabato 21 dicembre 2013

SAPONE LIQUIDO PER BUCATO "STRONG"

Ultima edizione
Da quant'è che mi ispiravo di fare un bel sapone liquido per il bucato senza perdere una giornata intera dietro alla cottura della pasta di sapone.
Il metodo facile facile l'ho trovato sulla penultima edizione del libro di Patrizia Garzena e Marina Tadiello ed è il metodo "tutto a freddo".
Ho seguito alla lettera tutti i passaggi sino a che ho ottenuto la mia pasta di sapone che poi sono andata a diluire, sempre secondo istruzioni, per ottenere il mio sapone liquido.
Sapone liquido per bucato "Strong"
Il colore del sapone varia secondo le essenze o fragranze che utilizzate dopo la diluizione della pasta di sapone. In questo caso, per esempio, io ho utilizzato una fragranza al latte e miele e di conseguenza il mio liquido è diventato color caramello, ma il profumo è dolce e rimane anche sui panni dopo il lavaggio in lavatrice :-)
Comunque ora non vi lascio in attesa e vi dico subito come ho formulato questa semplice ricetta.
SAPONE LIQUIDO PER BUCATO "STRONG"
  • 200 g di Olio d'Oliva
  • 200 g di Strutto
  • 100 g di Olio di Ricino
  • 115 g di Idrossido di Potassio (titolo 85%) con eccesso di 4 g
  • 280 g di Acqua demineralizzata
  • Acqua demineralizzata per la diluizione con rapporto 1:2, cioè una parte di pasta di sapone e due parti di acqua
  • Fragranza o olio essenziale a piacere (al massimo 25 ml per ogni kg di sapone diluito)
Innanzi tutto mi sono "abbardata" con mascherina, occhiali, guanti e grembiule!!!!!
Dopo di che ho iniziato a pesare tutti gli ingredienti; ho sciolto lo strutto sulla cucina economica prima di unirlo agli oli freddi dove poi ho versato la soluzione caustica (temperatura sui 70°C circa).
Miscela addensata
Ho mescolato con un mestolo di legno per amalgamare bene i grassi ed ottenere così un composto denso come una crema pasticciera. Dopo ho messo da parte per far riposare l'amalgama mescolando di tanto in tanto per assicurarmi che tutti i grassi fossero stati ben omogeneizzati.
Miscela ben omogeneizzata
Ho riposto nuovamente a riposare la mia pasta di sapone in luogo sicuro ed ho continuato a sbirciare ed eventualmente a mescolare per garantirmi l'intera saponificazione di tutti i grassi. Dopo 24 ore la mia pasta di sapone si presentava così:
Pasta di sapone dopo 24 ore
A questo punto, avendo ottenuto una pasta di sapone completamente omogenea e senza alcun grasso "galleggiante" ho lasciato riposare per alcuni giorni (in realtà è trascorsa una settimana) sino a quando ho visto che la pasta di sapone ha assunto un aspetto traslucido, gelatinoso e quindi ho capito che finalmente il mio sapone era pronto per essere diluito.
Pasta di sapone gelatinosa
Ho voluto subito testarla :-)
Questa volta per fare in fretta mi son servita del mio adorabile Bimby dove ho scaldato prima 500 g di acqua demineralizzata e dopo ci ho aggiunto 250 g di pasta di sapone. Ho impostato il mio elettrodomestico a 40 minuti, 80°C, velocità cucchiaio. 
Scioltasi per bene la pasta di sapone ho lasciato raffreddare per poi passare a travasare il tutto nel flacone dove per ultimo ci ho aggiunto 25 ml di fragranza.
E' ormai da oltre un mese che uso questo detergente in lavatrice direttamente nell'oblò, accoppiandolo ovviamente all'immancabile sodio citrato e all'ammorbidente ottenendo così un bucato pulito e profumato.
Per i panni bianchi e molto sporchi faccio uso contemporaneamente anche del percarbonato, invece per i delicati e colorati aggiungo al massimo un pò di candeggina delicata (non quella commerciale!). In ogni caso sono pienamente soddisfatta dei risultati e per questo devo ringraziare i preziosi consigli di Patrizia Garzena :-)
E con questo articolo ne approfitto anche per farVi i miei migliori Auguri di un sereno Natale.





25 commenti:

  1. Ciao Lalla, purtroppo non sono ancora riuscita ad avere il libro "per i saponai" Tadiello/Garzena, ma grazie infinite per questa nuova dritta. Ricetta veramente molto semplice e veloce e non è poca cosa...Ho una domanda: il mio idrossido di potassio è titolato al 90% ne devo aggiungere una quantità inferiore alla tua ricetta? tipo 110gr? Grazie e BUON NATALE a te

    RispondiElimina
  2. In realtà dal calcolo verrebbe fuori che del tuo idrossido di potassio ce ne sarebbe bisogno di 104 g a cui andiamo ad addizionare altri 4 g per un eccesso di potassa, quindi in tutto dovresti mettere 108 g di idrossido di potassio in 280 g di acqua.
    Un bacione e tantissimi auguri <3
    Lalla

    RispondiElimina
  3. Ciao Lalla, finora mi sono "accontentata" del gel lavatrice fatto da sapone solido autoprodotto, adesso però vorrei fare questo...volevo chiederti..hai mai provato a farlo seguendo il metodo a caldo? Invece, quanto ne và messo all'incirca per carico standard 5 kg?? Grazie un bacio, sei fantastica! Linda

    RispondiElimina
  4. Ciao Linda
    sino ad ora non mi sono mai cimentata nella produzione di sapone con metodo a caldo :-)
    Per un carico standard io ne metto circa 125 ml con l'aggiunta di percarbonato se sono panni bianchi, altrimenti aggiungo solo 30 g di sodio citrato per ogni carico a prescindere dai panni :-)

    RispondiElimina
  5. ciao lalla, ma questo sapone si può usare a 360°? panni, piatti, pavimenti... cmq ti seguo con interesse, sei super
    ciao fabrizia

    RispondiElimina
  6. Ciao Fabrizia
    per i piatti non va bene, ma per tutte le altre pulizie di casa è fenomenale ;-.)
    Un bacio
    Lalla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sarebbe già un passo avanti, per i piatti mi consigli di seguire l'altra ricetta alla glicerina? l'unica cosa che mi chiedevo, per renderlo più economico, se si può usare l'olio di arachide, che di schiuma ne fa tanta. baci.
      ciao fabrizia

      Elimina
  7. Sicuramente l'olio di arachidi è ottimo. Ma per i piatti, personalmente, sto cercando una soluzione più economica, perchè quello alla glicerina certamente è ottimo, ma è molto dispendioso ;-)

    RispondiElimina
  8. è un problema se non si addensa? ho provato anche con il minipimer ma rimane sempre piuttosto liquido. per la potassa mi sono regolato con i valori di saponificazione dell'idrossido ed ho aggiunto un 40% + 5gr di eccesso.

    ciao franco

    RispondiElimina
  9. Ciao Franco
    secondo gli oli che hai utilizzato è probabile che inizialmente ti sia rimasto liquido, ma vedrai che col passare del tempo e se avrai cura a mescolarlo di tanto in tanto si rassoderà. Per quanto riguarda il calcolo dell'alcale non ho ben capito come hai applicato il SAP. Attendo tue notizie :-)
    Lalla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao lalla, ci ha messo un paio di giorni ma alla fine s'è addensato :) ho provato a fare il test di chiarezza, ma è uscita acqua torbidina. ma poi va fatto questo test?
      per l'alcale mi sono rapportato che per ogni grammo di idrossido ne corrisponde 1,4 di potassa, quindi ho mantenuto il sap dell'idrossido di sodio e ho aumentato del 40%, ho sbagliato?
      ciao e grazie di tutto :)

      Elimina
  10. Ora Franco lascia riposare la tua pasta di sapone. Vedrai che fra un paio di settimane assumerà la consistenza di una gelatina trasparente. Per quanto riguarda il calcolo non saprei cosa dirti perchè non ho mai provato ad usare il tuo stesso metodo. In ogni caso essendo un sapone per bucato o per pulizie domestiche non dovrebbe darti problemi :-)
    Tienimi aggiornata <3
    Un bacione
    Lalla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mmhhh, devo aver sbagliato qualcosa perchè i panni puzzano, forse il metodo che uso per calcolare la potassa non è il massimo :))

      Elimina
    2. Credo proprio di sì...che c'è qualche errore nei tuoi calcoli per la potassa :-(

      Elimina
  11. da oggi ti seguo anch'io :) sei un pozzo di ideee !

    RispondiElimina
  12. ho capito bene? 1 parte di sapone e 2 di acqua quando diluisci? Perchè ho sempre visto fare 1:10 però con sapone fatto con la soda caustica, con la potassa mi sono cimentata una volta ed ho fallito ma questo metodo che ci proponi mi sembra decisamente più semplice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cinzia come hai ben detto quel rapporto di diluizione vale solo per i saponi solidi, mentre per quelli liquidi e, cioè fatti con idrossido di potassio, generalmente il rapporto è di 1:2 o al massimo di 1:3 secondo le proprie preferenze :-) Comunque prova a cimentarti con questo metodo e vedrai che il risultato ti soddisferà :-)

      Elimina
  13. Cara Lalla, ogni volta guardo questa ricetta come un miraggio...spero un giorno di riuscire a cimentarmi anch'io!
    Un abbraccio. Elisa

    RispondiElimina
  14. Cara Elisa vedrai che non sarà affatto difficile. Anche io ero presa dall'ansia prima di cimentarmi nei saponi liquidi....poi tutto è venuto da sè <3
    Un bacio
    Lalla

    RispondiElimina
  15. Ciao Lalla ti seguo sempre e ti faccio i miei complimenti per quello ce fai. vorrei chiederti , secondo te ti trovi meglio con questo o con sapone da bucato strong che ho trovato la ricetta su fb ?

    RispondiElimina
  16. Ciao Quaderno di Sofien
    per quanto riguarda il bucato in lavatrice, direi senza ombra di dubbio con questo liquido. E' fantastico su tutti i tipi di capi, delicati, lana e seta, cotone e colorati, bianchi sporchi (per questi ultimi ovviamente inserisco nell'oblà anche percarbonato). Il sapone extrastrong solido, invece, lo trovo eccellente come prettrattante o per semplice bucato a mano. E' notevole per togliere macchie di sugo o vino e caffè dalle tovaglie, nonchè macchie di trucco sugli asciugamani di spugna o ancora sulle macchie di erba dai jeans quando toso il prato. Insomma sono due saponi davvero efficaci, secondo l'uso che ne fai :-)

    RispondiElimina
  17. Ciao Lalla volevo chiederti se al posto dello strutto posso mettere altro olio e se si quale?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì certamente Claudia, puoi sostituirlo con altro olio d'oliva o cocco o ricino :-)

      Elimina

Lasciate un commento

Licenza CreativeCommons

Licenza Creative Commons
Questa opera di Lalla è concessa in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported.
Basata su un lavoro di impatiens-magicanatura.blogspot.com.
Permessi oltre lo scopo di questa licenza possono essere disponibili presso http://creativecommons.org/.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...