sabato 26 gennaio 2013

MANDORLITO SOAP

Mandorlito Soap
In realtà questo sapone nasce da un errore molto grossolano. La sera in cui l'ho fatto, circa tre mesi fa, sono stata distratta da svariati eventi, ma avendo ormai cominciato la mia opera non potevo certamente lasciarla incompiuta!
Avevo delle mandorle fresche a disposizione e come al solito le ho pelate per poi ricavarci il latte di mandorle di cui va matto il mio cucciolo Matteo. Una bella manciata di mandorle fresche e pelate nel Bimby ed acqua distillata. Filtro doverosamente con filtri da caffè ed imbottiglio; ma prima di riporre tutto in frigo mi viene la malsana idea di tenere da parte una quantità giusta per formare la soluzione caustica del sapone che avevo in mente.
Metto nel bicchiere di pirex 300 g di latte di mandorle e ci sciolgo prima 10 g di sale da cucina, poi ci aggiungo anche 15 g di zucchero bianco. Dopo aver sciolto i due additivi ci aggiungo ulteriormente 15 g di sodio citrato ed aspetto che la polvere sia ben sciolta. A questo punto unisco pian piano la soda caustica e lì sono andata nel panico perchè nel bicchiere mi si è formata immediatamente una soluzione superficiale solida, come se fosse già sapone! Nonostante questo, però ho voluto procedere ugualmente perchè mi dispiaceva buttare tutto quanto! Ho posto il bicchiere di pirex sul davanzale della finestra al freddo ed ho atteso che la temperatura della soluzione caustica scendesse almeno sino ai 45°C. Nel frattempo rimescolavo ogni tanto!
Avevo già pesato e preparato gli oli nel pentolone che uso solitamente per saponificare e li avevo posti sul fornello a fiamma dolce per far raggiungere anche a questi la temperatura di circa 45°C!
Quando ho constatato che le due temperature coincidevano (soluzione caustica ed oli) ho versato prima la fragranza di latte e miele e poi il mio latte di mandorle (soluzione caustica)  ed ho iniziato a frullare col minipimer! Fortunatamente quei grumi che si erano formati nella soluzione caustica sono scomparsi sotto le lame veloci del minipimer e quindi ho tirato un sospiro di sollievo. Il mio nastro era quasi raggiunto quando ho prelevato una piccola parte di sapone e l'ho mescolata insieme ad un cucchiaino di ossido di zinco.
Ormai il gioco era fatto!!!! Ho versato il mio sapone nello stampo e sopra ci ho aggiunto quello mescolato con ossido di zinco!
Il risultato è stato questo:
Mandorlito Soap
Il colore era proprio quello che volevo....e cioè il colore delle mandorle intere! La parte superiore bella chiara, invece, richiama le mandorle sgusciate ed il profumo, nonostante non sia di mandorle (solo perchè non avevo l'olio essenziale di mandorle amare) è delizioso e rimane sulla pelle in modo molto delicato!
Uso ormai questo sapone da circa 3 settimane e devo dire che è stupefacente. Crea una schiuma cremosa e compatta, quasi come fosse un doccia crema; lascia la pelle vellutata e delicatamente profumata dando la sensazione di un vero e proprio nutrimento completo!
La ricetta è molto semplice e ve la elenco immediatamente:
MANDORLITO SOAP
  • 650 g di Olio d'Oliva
  • 150 g di Olio di Cocco
  • 50 g di Olio di Ricino
  • 100 g di Olio di Mandorle dolci
  • 50 g di Burro di Karitè
  • 300 g di Latte di Mandorle
  • 134 g di Soda Caustica
  • 10 g di sale da cucina
  • 15 g di zucchero
  • 15 g di sodio citrato
  • 1 cucchiaino da caffè di ossido di zinco
Mandorlito Soap



12 commenti:

  1. Ho avuto modo di provare questo meraviglioso sapone utilizzandolo creando la mia base schiumosa sul viso prima di fare la barba, il risultato è stato quello di un'ottima rasatura ed una pelle vellutata e morbida subito dopo senza escoriazioni o rossore post rasatura!

    Baci
    DARIO

    RispondiElimina
  2. Ed io mio caro Dario ne sono davvero felice perchè non mi aspettavo che da un errore potesse nascere un sapone così!
    <3 Lalla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da questi errori innocenti nascono sempre delle genialate ehehehe la cosa peggiore è quando si creano degli orrori volutamente spacciandoli per grandi prove di autoproduzione casalinga ahahha
      Comunque per spiegarmi meglio, io ho massaggiato questo sapone sulla barba a viso umido per ammorbidirla, al mattino a digiuno, appena si è formata la schiuma che mi soddisfaceva ho proseguito alla rasatura ed è venuta fantastica!

      Baci
      DARIO

      Elimina
  3. anch'io l'ho provato è stupendo, morbido e profumato...lo rifarò perchè una ricetta davvero unica e originale come tutte le tue creazioni!!!
    Lalla posso omettere il sodio citrato?

    RispondiElimina
  4. Certo tesoricchia. Il sodio citrato è facoltativo <3
    Un baciotto
    Lalla

    RispondiElimina
  5. Scusa Lalla ma il sodio citrato è quello che comunemente si beve? Il sale e lo zucchero sono solo per questa ricetta o si possono mettere sempre nel sapone? Ciao

    RispondiElimina
  6. Ciao Mirella, il sodio citrato è quello che si usa anche in ambito alimentare in particolar modo in alcune bevande. Non è facile da trovare in commercio, ma in alcuti siti specializzati si trova anche ad un buon prezzo.
    Il sale e lo zucchero, invece, sono due additivi che si aggiungono nel sapone secondo le carattersistiche che si vogliono ottenere.
    Il sale generalmente viene aggiunto quando la ricetta del sapone richiede la presenza di molti oli leggeri che renderebbero il sapone morbido, allora per far sì che ciò non accada si aggiunge appunto il sale. Questo però ammazza la schiuma, quindi ecco perchè si aggiunge anche lo zucchero. Non so se mi sono spiegata bene :-(
    In ogni caso per qualsiasi dubbio chiedi pure ok?
    Un bacio
    Lalla

    RispondiElimina
  7. Ti ringrazio per la risposta,sei sempre molto gentile. Ciao

    RispondiElimina
  8. ciao Lalla, complimenti per tutte le tue ricette!
    in questo caso il sodio citrato cosa conferisce in piu al sapone?

    RispondiElimina
  9. Puoi trovare le informazioni sul sodio citrato qui: http://impatiens-magicanatura.blogspot.it/2013/09/sodio-citrato-in-polvere-fatto-in-casa.html

    RispondiElimina
  10. ciao lalla hai fatto lo sconto soda del 6%!!!!! i 60 g di olio li hai messi al nastro ?quali?grazie

    RispondiElimina
  11. Ciao Selly
    mi avrai data per dispersa, ma come vedi appena posso rispondo con piacere :-)
    Lo sconto che ho applicato è come hai detto tu del 6%, ma al nastro non ci ho messo nulla perchè dovevo sbrigarmi a saponificare prima che il tutto mi si ammassasse :-)
    Un bacio
    Lalla

    RispondiElimina

Lasciate un commento

Licenza CreativeCommons

Licenza Creative Commons
Questa opera di Lalla è concessa in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported.
Basata su un lavoro di impatiens-magicanatura.blogspot.com.
Permessi oltre lo scopo di questa licenza possono essere disponibili presso http://creativecommons.org/.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...