sabato 1 settembre 2012

OLEOLITO DI CAROTE...A MODO MIO

Oleolito di carote
Le carote, da sempre considerate rimedio naturale per le cure delle malattie della pelle, sono uno dei miei ortaggi preferiti perchè ricche di beta-carotene e vitamina A!
La comparsa precoce di rughe, la pelle secca, la presenza di acne, la pelle avvizzita da agenti atmosferici può essere causa di una carenza di questa importante vitamina!
Come fare, dunque, a conservare ed usare al meglio le proprietà di questo ortaggio??? Ovviamente la cosa più semplice da fare è l'oleolito!!!
Innanzitutto dobbiamo dire che le vitamine in generale sono termolabili, per cui, nonostante in questo caso si utilizzi la radice, non dobbiamo mai procedere col metodo a caldo...ossia non dobbiamo mai preparare l'oleolito di carote a bagnomaria altrimenti si perderebbe qualsiasi proprietà benefica!!!!
Allora come procedere visto che la carota contiene tantissima acqua???
Vediamolo subito:

OLEOLITO DI CAROTE
Procuriamoci un tovagliolino di garza, di cotone, di lino o anche di tulle dove porremo un bel cucchiaio di sale grosso:
tovagliolino con sale grosso
Successivamente, racchiudiamo il sacchetto a mò di caramella, ben stretto da un elastico o spago:
Sacchettino di sale
Fatto questo, poniamo il nostro sacchettino in un bel barattolo di vetro capiente:
Barattolo con sacchettino di sale
A questo punto prendiamo le nostre carote, possibilmente di coltivazione biologica (meglio ancora se sono del vostro orticello), lavatele con una manciata di bicarbonato affinchè tutta la terra insinuata nelle fessure della radice scompaia
Carote fresche
...asciugatele per bene e passate a triturarle grossolanamente. Con un cencio assorbite un pò della loro acqua tamponandole. Dopo di che versatele nel vostro barattolo
Carote triturate nel barattolo con sacchetto di sale
Solo a questo punto potete aggiungere l'olio. Io generalmente utilizzo l'olio di semi di girasole spremuto a freddo totalmente Bio, perchè quest'olio oltre ad irrancidire difficilmente è anch'esso ricco di vitamina E e acidi grassi che stimolano i melanociti nella produzione di melanina. Ma nulla toglie che voi possiate usare un olio EVO, di riso o altro.
Aspettate qualche minuto prima di chiudere il barattolo ermeticamente affinchè tutte le bollicine d'aria fuoriescano...chiudete e riponete il contenitore su un davanzale dove possa essere raggiunto da qualche raggio di sole durante la giornata (ricordate che la temperatura non deve mai superare i 37° C!!!!!).
Fate macerare per 10 giorni avendo l'accortezza di scuotere il barattolo almeno per una volta al giorno e di tanto in tanto aprite e richiudete. Trascorso il suddetto periodo filtrate il vostro oleolito aiutandovi con un cencino di cotone o filtri da caffè senza strizzare il composto e ponendo il tutto in una scodella capiente e possibilmente trasparente. Fate decantare almeno per 24 ore l'olio prima di travasarlo nella solita bottiglia scura. Questo vi aiuterà a vedere se sul fondo della scodella si è depositata dell'acqua che quindi andrà rimossa o attraverso una siringa, oppure travasando l'olio molto lentamente prelevandolo con un cucchiaio, lasciando sul fondo il residuo acquoso.
In ogni caso se adoperate il sacchettino di sale come vi ho suggerito, non dovreste avere delle brutte sorprese, in quanto questo serve proprio per assorbire l'acqua in eccesso che si va a depositare automaticamente sul fondo del vostro contenitore, soprattutto quando si utilizzano erbe fresche e con alto contenuto idrico.
Se assaggerete l'olio vi renderete conto che non è affatto salato poichè è difficile che il sale si sciolga  nell'olio, specialmente quello grosso a meno che non si sottoponga ad alte temperature ed, oltretutto essendo ben stretto a mò di caramella ha veramente difficoltà a sciogliersi. Ma nonostante questo è in grado di assorbire notevoli quantità d'acqua!!! Non per nulla in casa vengono utilizzate delle vaschette di sale per assorbire l'umidità in eccesso come per esempio in bagno!!! Praticamente l'effetto è lo stesso...il sacchetto di sale nel vostro barattolo vi garantirà la buona riuscita dell'oleolito!
Sono ormai anni che adopero questo metodo e non ho mai avuto sorprese negative...i miei oleoliti hanno un profumo delizioso ed anche dopo un anno di distanza sono sani e vegeti!!!
Se non ci credete, provate con dei piccoli quantitativi e poi mi saprete dire....
Comunque sia, quest'olio è utilizzato tantissimo in cosmetica poichè, grazie ai suoi costituenti protegge e rivitalizza la nostra pelle, rendendola morbida, giovane, elastica e SANA!
Io lo adopero tantissimo sia per fare il sapone e sia nelle mie creme e....non vi nego che lo utilizzo anche per condire le mie insalatone. Quindi perchè rinunciare ad un alleatao della mia salute così prezioso????
Buon divertimento a tutti
Lalla

40 commenti:

  1. Posso confermare che questo metodo funziona!!!
    Ho fatto anche io l'oleolito di carote seguendo questa metodica, il risultato è un olio di uno splendido colore arancione e profumatissimo!!! L'acqua si deposita davvero sul fondo e l'olio non ha subito variazioni!!!
    Un abbraccio
    Dario

    RispondiElimina
  2. Ciao Dario...io non vedo l'ora di filtrarlo e poi aggiornerò le foto di questo articolo per far vedere il risultato.
    Dieci giorni passano in fretta e quindi l'attesa è breve ahahahah
    Un bacione
    Lalla

    RispondiElimina
  3. Ciao..Me la sapresti consigliare una ricettina con l'oleolito di carote per sapone a freddo??
    Grazie mille
    Linda

    RispondiElimina
  4. Ciao Linda se mi dai un pò di tempo (perchè ora sono al lavoro) te ne do una semplicissima ma che ti da un sapone nutriente e con una schiuma bella cremosa.

    Un saluto
    Lalla

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Ciao Viviana
    sì è normalissimo :-) Infatti io dico sempre che odora di insalatone estive ahahahahahah Per cui non preoccuparti che il tuo oleolito è ottimo. L'importante è non sentire mai puzza di acido perchè in quel caso vuol dire che la pianta ha fermentato e quindi l'oleolito non è più buono da utilizzare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite per la risposta e per avermela data così in fretta! grazie anche perchè è una bellissima notizia per me... avevo un pò di timore che non fosse uscito il mio primo oleolito e invece no! è tutto ok! non avendo i mandarini ora mi cimento con i limoni e speriamo bene! Per curiosità ti volevo fare un' altra domanda, come mai alcuni coprono i vasi degli oleoliti con carta stagnola? ho notato che in giro ci sono diversi metodi per farli, anche per gli stessi oleoliti come ad esempio quello degli agrumi, infatti ero andata un pò in confusione fino a che ho trovato te e mi hai ispirato tanta fiducia, e così ho pensato di chiederti questa cosa... :D
      Grazie ancora!! un carissimo saluto,
      Vivy

      Elimina
    2. Ciao Vivy
      se i vasetti vengono riposti in dispensa al buio non necessitano di carta stagnola. Il buio serve a non far ossidare le piante in macerazione. Altre piante, invece, come per esempio l'iperico e l'elicriso hanno bisogno di essere esposti al sole senza carta stagnola, poichè è proprio la luce ed il calore solare che aiuta la pianta ad estrarre tutti i suoi principi attivi nell'olio. Comunque ognuno, in questo campo ha i suoi metodi più o meno efficaci.

      Elimina
    3. Capito... Grazie Lalla! :D

      Elimina
  7. Ciao Lalla! scusa per sbaglio ho cancellato il mio commento(che imbranata!) mi chiamo Viviana e da poco mi sono avvicinata a questo mondo fantastico di oleoliti, e cosmetici fatti in casa e sono felicissima di aver trovato il tuo blog che mi aiuterà moltissimo per cui grazie! Ti scrivo perchè ho provato a fare l'oleolito di carota e ti volevo chiedere se era normale che odorasse tipo di maionese(non saprei come altro descrivere l'odore...), te lo chiedo per sicurezza dato che per me è tutto nuovo... grazie in anticipo per la risposta e grazie di tutto! :D

    RispondiElimina
  8. ahahahahahahahah ovviamente trovi la mia risposta sopra al tuo commento anzichè sotto perchè nel frattempo che te cancellavi per sbaglio io già scrivevo ahahahahahahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. incredibile! sei stata più veloce di me! sono imbranata ma previdente... infatti faccio sempre un copia messaggio di sicurezza! :D

      Elimina
  9. Ciao Lalla, dopo aver studiato un pò il tuo blog (bellissimo e con tantissime ricettine interessantissime) ho provato a fare l'oleolito di carota (con olio di oliva, per farci un sapone)con il tuo metodo... non avevo però letto che dovevo aprire di tanto in tanto il vasetto e oggi, vedendo il tappo un pò sotto pressione, l'ho aperto e l'olio ha iniziato a friggere ed ha fatto una schiumetta bianca di 2 cm quasi.. non mi sembra di sentire odore di acido ma solo un forte odore di carota... ma ogni volta che lo apro "frigge" un pochino, dici che è andato a male? ;( Grazie mille e buona serata,
    Erika

    RispondiElimina
  10. Ciao Erika
    se non puzza di acido l'olio è ancora buono, ma cerca di tenerlo aperto almeno per una notte intera...poni il barattolo in un contenitore alto per evitare la fuoriuscita dell'olio e tutti i giorni apri un pò, rimescoli e richiudi ok?
    Fammi sapere ;-)

    RispondiElimina
  11. Ciao Lalla! Grazie mille! Temevo di dover buttare tutto ;(.Devo lasciarlo in un luogo buio ed esporlo al sole un paio di ore al gg oppure lo posiziono fisso sul davanzale delle finesta? Stasera lo lascio aperto e ti tengo aggiornata, Grazie mille di nuovo! Erika

    RispondiElimina
  12. Tienilo sul davanzale così che tu possa controllarlo meglio :-)

    RispondiElimina
  13. Ciao lalla ho bisogno di un consiglio!il metodo del sacchetto di sale nel barattolo posso utilizzarlo per tutte le piante fresche?come ad esempio le bucce di limone e arancio se non le faccio seccare?grazie mille=)

    RispondiElimina
  14. In realtà sì....è un metodo validissimo per tutte quelle piante particolarmente ricche di acqua :-)

    RispondiElimina
  15. Ciao!!! Hai un blog stupendo!! :) volevo chiederti...ma farlo ora è consigliabile?? Fa freddino...che faccio lo metto dentro e non fuori? Magari è una domanda stupida...:) grazie per i tuoi bellissimi consigli!!

    RispondiElimina
  16. Ciao Elena
    certo che puoi farlo anche ora...magari metti il vasetto sul davanzale di una finestra in casa dove ci batte un pò di sole :-)
    Poi fammi sapere come ti viene ok?
    Un bacio
    Lalla

    RispondiElimina
  17. Che bella ricetta!!! Ora proverò sicuramente!!!
    Fino ad oggi ho sempre acquistato il prodotto finito: http://www.prodottidibenessere.it/it/purezza-oli-viso-e-corpo/1774-carota-bio-50-ml-200129.html

    RispondiElimina
  18. Grazie cara per averci segnalato questo sito :-) Non si sa mai....potrebbe essere utile a chi non ha modo di fare in casa i propri prodotti ;-)
    Un bacio
    Lalla

    RispondiElimina
  19. Ciao Lalla, vorrei fare questo tuo oleolito, il problema è che a casa mia a circa 10cm sotto il davanzale c'è il termosifone, che è acceso da pranzo a cena ed anche un paio d'ore la mattina, ed il sole scarseggia.
    Devo riporlo altrove per quei 10gg o posso lasciarlo vicino al termosifone?

    RispondiElimina
  20. Puoi lasciarlo sul davanzale :-)

    RispondiElimina
  21. Ciao lalla,complimenti per il blog,è davvero interessante e pieno di spunti creativi :) In un commento dicevi che se si sente dell'odore acido,l'oleolito è andato a male,il mio ha un leggero sentore acidulo,possibile non sia più buono?cosa potrei aver sbagliato? :( Un bacione Luce

    RispondiElimina
  22. Lalla scusa se rompo,ti posto una foto anche per vedere com'è sto benedetto oleolito di carota :P
    [IMG]http://i58.tinypic.com/ws5xyc.jpg[/IMG]

    RispondiElimina
  23. Se l'odore rassomiglia a quello di maionese l'olio non è andato a male, se invece, oltre ad essere acidulo ha anche un odore vomitevole allora è da buttare. Comunque ho visto la foto: devi solo prelevare l'olio limpido lasciando la fondata nel contenitore :-) Credo che il tuo olio sia buono :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille,meno male!Per quanto si può conservare più o meno?

      Elimina
  24. Esatto maionese ecco cos'era l'odore!non sapeva di carota e questo mi preoccupava parecchio.grazie!!! :)

    RispondiElimina
  25. posso utilizzare un fazzoletto di carta per il sacchetto del sale?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao tatiana
      ho paura che il fazzoletto di carta si romperebbe a meno che non sia di TNT

      Elimina
  26. Ciao, dato che questo metodo mi ha dato tante soddisfazioni, volevo condividere un piccolissimo successo: come hai ben detto, l'oleolito dicarote sa un po' di maionese e non è un gran profumo... Allora, qualche settimana fa, ho trovato in frigo una pesca dimenticata (si era un po' rinsecchita, povera) e per curiosità ho preparato un paio di carote, tagliato e sbucciato la pesca, asciugato un po'... E alla fine il bell'oleolito arancione ha anche un buon profumino di pesca! Non so se abbia preso anche qualche proprietà - le vitamine che contengono son simili, ma... Boh - peró il profumo è davvero notevole! E, niente, grazie millissimo per le tue idee e i tuoi suggerimenti preziosi!
    Gaia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gaia in realtà sono svariati i metodi per deodorare i nostri preziosi oleoliti ed il tuo è certamente uno dei migliori :-) Bravissima :-)

      Elimina
  27. Ciao Lalla, complimenti per il tuo blog! Sai per caso se l'oleolito di carote si può fare anche senza esporlo al sole? Per me purtroppo sarebbe un problema, visto che a casa mia il sole non arriva praticamente mai.Grazie. Ceci

    RispondiElimina
  28. Certo che puoi. Non è obbligatorio metterlo al sole :-)

    RispondiElimina
  29. Ciao Lalla :) Appena ho letto questo post ho messo a macerare le carote! Fra qualche filtrerò il tutto, ma mi chiedevo: faccio decantare l'olio in una scodella senza coprirlo con un panno o altro, giusto? E questa volta lontano dai raggi del sole oppure lo lascio sempre vicino alla finestra?
    Grazie mille :)

    RispondiElimina
  30. Perfetto, lo lasci decantare in una scodella ricoperta anche da un panno e senza più tenerlo al sole :-)
    Poi tienimi aggiornata ok?
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho appena finito di filtrarlo.. è venuto un amore :D Limpido, con un buon profumo per niente pungente (forse perchè ho messo in maggior quantità l'olio di girasole+ poco olio sesamo + una puntina di olio evo?), insomma troppo bello!!

      L'ho coperto con uno scottex fermato con un elastico ed effettivamente con il contenitore trasparente si vede subito se c'è posa o acqua
      PS: messaggio per i posteri..date retta a Lalla quando dice di non spremere le carote. Distrattamente, ho leggermente strizzato le carote e sia mai, sono uscite subito le gocciolone d'acqua! Meno male che è stata questione di un secondo ahah

      Elimina
  31. Che bella soddisfazione vero Giada?
    Hai fatto bene ad inserire anche un pò di olio di sesamo :-)
    Io adoro quest'oleolito ;-)
    Un bacione

    RispondiElimina
  32. Ciao, perchè non centrifugare le carote per togliere l'acqua? pensiero passeggero...
    Comunque ottima idea quella del sale, ho appena preparato il barattolone, grazie!!! alice

    RispondiElimina

Lasciate un commento

Licenza CreativeCommons

Licenza Creative Commons
Questa opera di Lalla è concessa in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported.
Basata su un lavoro di impatiens-magicanatura.blogspot.com.
Permessi oltre lo scopo di questa licenza possono essere disponibili presso http://creativecommons.org/.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...