domenica 15 gennaio 2012

CREMA FLUIDA PER PELLE SECCA

Ci sono molte persone che come me, in questo periodo dell'anno si ritrovano con la pelle squamata come quella di un pesciolino, specialmente sulle gambe e sulle braccia. La causa è il freddo di tramontana, quello secco! Nonostante io cerchi di bere in continuazione, non riesco ad idratarmi a fondo, quindi devo ricorrere per forza all'ausilio di qualche ottima crema nutriente e idratante. Ovviamente non potevo che crearla da sola con ingredienti naturali sfruttando le proprietà di alcuni oli adatti a questo scopo.
Crema Fluida
CREMA FLUIDA PER PELLE SECCA
- 5 g di cera d'api vergine
- 5 g di lanolina anidra
- 2,5 g di burro di cacao
- 7,5 g di oleolito di carote (macerato a freddo in olio di mandorle dolci)
- 10 g di olio di jojoba
- 10 g di olio di canapa
- 10 g di olio di avocado
- 45 g di idrolato di rose
- 5 g di glicerina
- 1,5 g di vitamina E
- 1,5 g di fragranza al cocco
- 16 gtt di olio essenziale di benzoino
Si procede come al solito: a bagnomaria si fanno sciogliere la cera, la lanolina ed il burro di cacao; in due bicchieri a parte pesare l'idrolato insieme alla glicerina e gli oli. Quando le cere sono completamente sciolte, aggiungere gli oli e spegnere il fornello....rimescolare per bene ed iniziare ad emulsionare aggiungendo a filo l'idrolato....goccia a goccia sino a creare una crema omogenea e ben emulsionata. A questo punto passate il composto in un bagno freddo continuando ad alternare la mini frusta ed una palettina fino a raggiungere il completo raffreddamento della crema. Ora potete aggiungere gli altri ingredienti, uno per uno e sempre mescolando per amalgamarli all'intero preparato.
Crema fluida corpo
La crema si presenta piuttosto fluida e leggera tanto da poter essere inflaconata tranquillamente in una boccetta col dispenser....oppure messa nei soliti flaconi per creme (sempre opportunamente riciclati, sterilizzati e riadattati). Si spalma benissimo asciugandosi in fretta, non lascia la pelle untuosa e permette di rivestirsi subito senza attendere che venga assorbita.
Ovviamente prima di utilizzare la crema, consiglio di effettuare uno scrub durante la doccia per eliminare tutta la pelle morta e per dare l'opportunità ai principi attivi della crema di penetrare nella cute.
Tutti gli ingredienti utilizzati per la creazione di questo fluido  hanno la proprietà di idratare e nutrire a fondo la pelle secca perchè penetrano facilmente nell'epidermide, sono ricchi di vitamine e stimolano la produzione di collagene naturale. L'idrolato di rose, ovviamente, ha anch'esso le stesse proprietà!

44 commenti:

  1. Bellissima!!
    Io non ho ancora avuto il coraggio di provare la tua ricetta 50 e 50 con cera d'api al 5%... ma prima o poi dovrò farmi avanti!!
    ...Non posso resistere!
    <3

    RispondiElimina
  2. ahahahahahah Khadi per non sprecare tanti ingredienti preziosi prova a farla semplice all'olio d'oliva e cera d'api con acqua distillata e vedi un pò come ti viene.....magari dimezza tutte le dosi così non avrai sprecato molto. Sicuramente ti verrà bene....

    RispondiElimina
  3. Sìììììì, fatta... 100 ml che poi alla fina son diventati 90 in versione molto base.
    ...adesso prima di fare il post sulla "Lalla cream" aspetto un attimo che non si separi e che si ricarichino le pile della macchinetta ; )
    E' davvero bella, bella bella: una grandissima soddisfazione... e poi... non ci crederai!!! Niente conservante! Solo Essenziali, ma non di benzoino... Stiamo a vedere che succede ; )

    RispondiElimina
  4. Wawwwwwwww Khadi hai visto che non è poi così difficile?????
    Spero che tu abbia usato degli oli essenziali con alto potere antimicotico, antifungino e antibatterico, perchè questa crema contenendo il 50% di acqua ha bisogno per forza di essere ben conservata. Tienimi aggiornata.....e sono contenta che tu sia riuscita a riprodurre questo semplice prodotto della natura.
    Un abbraccio
    Lalla

    RispondiElimina
  5. bellissima questa crema Lalla!
    Te lo dico, adesso qui, davanti a tutti : sto per convertirmi definitivamente alla cera d'api!!!! ah ah ah ah ah Complimenti davvero!

    RispondiElimina
  6. ahahahahahah Alex non ci posso credere!!!! Ed io invece che aspettavo le tue preziose lezioni per imparare ad emulsionare con altri ingredienti!!! ahahahahahahah
    Che facciamo....ci diamo lo scambio???? ahahahahahahah

    RispondiElimina
  7. Cosa vedono i miei occhi! Bella la nuuova veste grafica del blog e stupenda la crema :)
    Un paio di settimane fa un'amica con pelle moooolto secca mi ha chiesto di farle una cremina idratante per il corpo. Ecco... invece di formularla copio la tua, così sperimento anche il tuo metodo :)
    Dovrò sostituire però la lanolina e l'idrolato di rose, che non ho...
    Intanto la segno e a fine settimana la faccio!
    Ciao Lalla! :)

    RispondiElimina
  8. Ciao Pam....hai visto la nuova veste del blog???? E' stata Iole a farmi questo bel lavoro http://iolecal.blogspot.com/
    La lanolina la puoi sostituire con il burro di karitè e l'idrolato con semplice acqua distillata!!!!
    Fammi sapere quando la farai!!!!
    Un bacione
    Lalla

    RispondiElimina
  9. saremo in due a farla allora!!!!

    RispondiElimina
  10. Ciao Lalla...complmenti per il blog e per la nuova grafica!!!

    RispondiElimina
  11. Ciao Lalla,
    sono passata per un saluto e per ringraziarti del tuo pensiero!
    Sono contenta che il mio lavoro ti sia piaciuto e che piaccia alle tue lettrici.
    Resto a tua disposizione per qualunque richiesta.
    Un abbraccio,
    Iole

    RispondiElimina
  12. Iole sei stata preziosissima ed hai fatto un lavoro magnifico che mi ha lasciata pienamente soddisfatta....grazie di tutto
    Lalla

    RispondiElimina
  13. Ciao Lalla! :)
    Sabato o domenica mi metto all'opera! non vedo l'ora, guarda!!!
    Complimenti anche a iole, sia per il suo blog (l'ho visto!) sia per la nuova immagine di questo spazio! :)

    RispondiElimina
  14. Ciao Pam, riferirò a Iole i tuoi complimenti perchè so che le farà un sacco piacere.

    Appena procedi con questa meraviglia di crema fammi sapere come ti è venuta ok?
    Un bacione
    Lalla

    RispondiElimina
  15. ciao Lalla, alla fine l'ho fatta! E' venuta molto bene, complimenti per la ricetta. La mia è venuta più soda, chissà perchè....

    RispondiElimina
  16. Alex hai utilizzato gli stessi ingredienti nelle stesse quantità????
    La consistenza deve essere poco più densa di un latte detergente!!!

    RispondiElimina
  17. ho utilizzato gli stessi ingredienti, tranne la lanolina che ho sotituito con il burro di karitè. Chissà, sarà stato per quello. Comunque non fa niente, anzi ti dirò...mi piace così soda!
    Io non capisco una cosa: ho trovato ricette di cold crem dove si dice di utilizzare addirittura 20 gr. di cera d'api! ma se ne bastano solo 5 grammi, perchè ci dicono di mettercene così tanta?! boh.....

    RispondiElimina
  18. In realtà, le cold cream classiche....e cioè quelle di formulazione galenica prevedono sempre un'alta percentuale di cera e poca di acqua perchè non facevano uso di conservanti. Poi, personalmente avendo sperimentato per anni queste formulazioni, ho voluto provare a diminuire via via la cera aumentando l'acqua e quando ho visto che la riuscita era eccellente ho voluto condividere questo risultato con tutti voi, ma in questo caso, come avrai notato consiglio sempre di aggiungere un conservante (nel mio caso il benzoino).

    P.S. Il burro di Karitè rispetto alla lanolina rende le creme più consistenti....quindi si è scoperto l'arcano ahahahahahah

    RispondiElimina
  19. Spero di poterla realizzare presto, le mie mani screpolate chiedono pietà!
    Approfitto del passaggio per lasciarti un premio giocoso, puoi "ritirarlo" qui ;D

    RispondiElimina
  20. Cara Gaia questa è certamente una crema che puoi usare per le tue mani, ma se vuoi ho altre ricette più indicate per il tuo problema, al quale mi associo avendo una pelle da coccodrillo ahahahahahha
    Ho visto il tuo blog....molto carino...ben scritto e con tante idee da realizzare....ovviamente mi sono unita immediatamente ai tuoi followers
    Un bacione
    Lalla

    RispondiElimina
  21. è troppo bella!! *_* ti ho detto già altrove che la farò, ebbene si..spero solo di essere brava quanto te a lavorarla O.O ma ce la metterò tutta!! bellissimaa, sei bravissima tesoro *_*
    PS: la grafica del blog adesso è troppo bella!! *_*

    RispondiElimina
  22. Ciao bella....sono più che sicura che ti verrà benissimo....hai tutte le carte giute per poter superare la maestra ahahahahahah
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  23. Ciao Lalla,

    questa crema sembra veramente morbidosissima e fluida, wow! Complimenti veramente!
    Sono un po' a corto di oli ultimamente (finiti nei vari saponi di Natale) quindi non posso replicarla. Al prossimo ordine ci faccio un pensierino perchè le mie gambe implorano idratazione ogni mese dell'anno.
    Curiosità: come mai la lanolina? Premetto che non sono molto informata su questo ingrediente, ma leggevo tempo fa sul forum di Lola che è un po' un ingrediente controverso. Proprio per questo ti chiedo perchè hai optato per questo ingrediente. Curiosità n.2: l'hai comprata da Aroma Zone?
    Ok, ho finito con le domande! Scusa se ti ho assillato!

    A presto e complimenti ancora :D

    Bacio

    RispondiElimina
  24. Ciao Lucia
    la lanolina che utilizzo io è quella anidra di origine animale e non la prendo da AZ che ha solo una lanolina vegetale di cui però non conosco le proprietà.
    In genere la lanolina potrebbe risultare appiccicosa, ma se ben emulsionata con altri oli e cere è un ottimo idratante, umettante ricco di proprietà benefiche per la pelle. La uso spesso per gli unguenti, ma in questo caso l'ho adoperata proprio perchè la pelle delle mie gambe mi chiedeva pietà ahahahahah e sinceramente con questa crema sono riuscita ad ammorbidire ed idratare le "squame" che finalmente sono scomparse. Ovviamente è una crema indicata per chi ha un problema simile al mio e che non risulti allergico alla lanolina che in questo caso può essere sostituita da un ottimo burro che darebbe alla crema un pò più di consistenza e non la lascerebbe fluida.
    Spero di aver chiarito i tuoi dubbi
    Un bacio
    Lalla

    RispondiElimina
  25. Tutto chiaro, grazie per la spiegazione! :)

    Ad ogni modo questo ingrediente mi ha incuriosita, perciò sono andata a rispulciare il topic sul forum di Lola e pare che comunque quella vegetale sia abbastanza simile a quella animale. Per conferma ho guardato anche su AZ e anche lì si dice che è un valido sostituto di quella animale: è emolliente, idratante, protegge il film idrolipidico dell'epidermide e ha potere filmogeno. Insomma, non si finisce mai di imparare!

    Complimenti ancora Lalla, a presto!

    RispondiElimina
  26. Ma figurati cara
    siamo qui per imparare l'una dall'altra ed è una cosa bellissima perchè ognuna di noi da gli spunti ad altre persone per la creazione di nuovi e sorprendenti prodotti!

    A proposito ho fatto i tuoi burrini da massaggio e sono strepitosiiiiiiiiiiiiiii

    RispondiElimina
  27. Ciao Lalla,
    il tuo stile mi vita mi piace davvero tanto e le tue creazioni sono davvero utili tanto che vorrei fossero condivise da molte persone! Spero non ti dispiaccia, ma ti ho segnalata sul mio post per il premio "the versatile blogger". Secondo me un premio lo meriti proprio! Complimenti. Baci.
    Ecco il link http://scomesabrina.blogspot.com/2012/02/versatile-blogger.html

    RispondiElimina
  28. Grazie Sabrina sei molto gentile
    nel mio piccolo amo condividere le mie creazioni perchè penso che possano essere alla portata di tutti e perchè le nostre conoscenze non rimangano solo nei nostri taccuini, ma possano essere divulgate attraverso questo marchingegno elettronico.
    Ti ringrazio di cuore e ti auguro un buon proseguimento di giornata.
    Lalla

    RispondiElimina
  29. Ciao Lalla, sono Gra dei saponai di Veggie!
    Finalmente ieri, dopo tanti tentativi falliti con altri sistemi, seguendo il tuo metodo sono riuscita a fare una cold cream 50 e 50!
    Ne ho fatta una di prova con olio di girasole bio e acqua distillata e mi è venuta benissimo!
    Ora potrò sperimentare con ingredienti più interessanti.
    Con lo stesso sistema sono riuscita a fare anche la crema solare che non mi veniva! Grazie Lalla, hai un bellissimo blog.
    Una domanda: siccome sono intollerante all'o.e. di benzoino avrei bisogno di mettere un altro conservante: cosa mi consigli? e naturalmente dove lo trovo?
    Gra

    RispondiElimina
  30. Cia Gra...che bello vederti qui!!!!
    Son contenta che tu sia riuscita a creare una cold cream col mio metodo....in molti trovano difficoltà ad emulsionare la cera d'api con così tanta acqua!!! Per cui non posso che essre orgogliosa di aver insegnato un piccolo trucchetto per creare delle col cream meno grasse!
    Se vuoi sostituire il benzoino lo puoi fare col comune Cosgard oppure con la soluzione di sodio benzoato e potassio sorbato....Ma se riesci a fare piccole quantità potresti anche conservare questa crema con olio essenziale di tea tree insieme a quello di rosmarino! Ovviamente parlo di 30 g di prodotto finale da consumarsi possibilmente nel giro di 30 giorni al massimo. Quindi vedi un pò te quale dei conservanti che ti ho indicato può fare al caso tuo...io intanto sto prendendo le dovute informazioni sui semi d'uva dai quali si ricava un altro tipo di conservante naturale. Io odio le cose artificiali e ricavate sinteticamente!!! Ma ho la fortuna di non avere problemi col benzoino per cui per me rimane il primo conservante in assoluto!
    Un bacione
    Lalla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lalla.
      Allora in quella che ho fatto aggiungo o.e. di tea tree e rosmarino.
      Per quanto riguarda il potassio sorbato e sodio benzoato, lo sto usando per la crema alla lecitina e mi trovo bene.
      Nel caso della cold cream come mi comporto?
      Sostituisco parte dell'acqua con la giusta quantita di soluzione conservante? l'acidità della cold cream è adatta alla soluzione?
      Il Cosgard invece andrebbe messo alla fine? Non l'ho mai preso e non so nemmeno che aspetto abbia...Dove si acquista? Grazie.
      Gra

      Elimina
  31. La cold cream generalmente rispetta abbastanza bene un pH che oscilla tra 5.5 e max 6 quindi la soluzione potassio sorbato e sodio benzoato dovrebbe andare piuttosto bene! Ovviamente essendo una soluzione acquosa devi obbligatoriamente scalarlo dall'acqua!
    Il Cosgard è il conservante più conosciuto tra gli spignattatori e si acquista sul sito di Aroma Zone....io non lo amo molto perchè mi trovo benissimo col mio amato benzoino, ma mi rendo conto che non tutti hanno la pellaccia da coccodrillo come la mia ahahahahah Un consiglio che posso darti è quello di fare delle piccole porzioni di crema in maniera tale da non avere l'ansia di doverle conservare a lungo! Generalmente per me ne preparo sempre 30 g che consumo nel giro di un mese! Anche perchè non vedo l'ora di riformularne altre nuove da utilizzare subito!!!
    Un bacione
    Lalla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lalla, seguirò i tuoi consigli!
      Gra

      Elimina
    2. Ciao Lalla, un paio di giorni fa ho rifatto la crema con olio di cocco , mandorla e girasole, cera d'api e glicerina, o.e. di rosa, ( niente lanolina perchè non ce l'ho): questa volta è venuta veramente bene. La precedente, anche se ero comunque contenta, non era venuta perfetta come questa, perchè all'ultimo momento l'ho raffreddata troppo in fretta e qualche gocciolina d'acqua l'ha persa. Questa volta l'ho emulsionata piano piano e si è raffreddata mentre la preparavo a bagno maria a fuoco spento. Ora ho capito che è un'emulsione delicattissima che non ama sbalzi termici durante la preparazione: Non vedo l'ora di potermi fare le acque floreali per rricchirla ancora di più. Ciao, Gra.

      Elimina
  32. Ciao :-) Mi piace tantissimo il blog. Questa crema vorrei prendere come ispirazione per la mia crema invernale. Vorrei farla con poco di gel di semi di lino e late d avena. Hai idea delle quantità? Sinceramente mi viene il dubbio che se metto troppo, crema potrebbe risultare troppo scivolosa e non assorbente. Che cosa pensi? Ho già le creme corpo della marca al verde, pero tutte le creme naturali in commercio sono piene di glicerina. Lo odio perché perché lascia una patina sulla pelle che mi sento soffocare. Peccato perché sono creme molto belle, profumate ed hanno una consistenza piacevole. Ho pochi ingredienti a casa. Utilizzerò olio d oliva, riso, cumino nero(il preferito),ficchi d India e sesamo.

    RispondiElimina
  33. Ciao Silva
    se fossi in te io eliminerei anche il gel di semi di lino perchè anche quello potrebbe darti la sensazione che la pelle soffochi.
    Gli oli che mi hai citato sono tutti ottimi per le pelli secche, quindi puoi tranquillamente procedere alla preparazione della crema "invernale". Se poi hai bisogno di altri suggerimenti sono qui ok?
    Lalla

    RispondiElimina
  34. Ciao, il tuo blog è davvero carino ed interessante, vorrei fare anche io questa crema, ma non ho la lanolina, ho invece il burro di karitè, ma mi piacerebbe che rimanesse della consistenza della tua, ma da quel che ho letto tra i commenti, pare venga più densa col karitè, ma se omettessi entrambi che succede? Per quanto riguarda l' o.e di benzoino, leggendo su i vari blog di cosmesi autoprodotta, mi pare di aver capito che l' o.e di benzoino non conserva proprio nulla, non ricordo precisamente dove l'ho letto, ma mi ricordo che avendo capito che poteva fungere da conservante, ne avevo acquistato due bottigliette e di essere stata delusa, quando appunto avevo letto il contrario. Forse intendevano che conserva per un breve periodo? Boh non capisco, cercherò anche di informarmi meglio da sola. Grazie comunque per condividere il tuo sapere con noi. Ciao

    RispondiElimina
  35. Ciao
    puoi utilizzare il burro di karitè e magari abbassi la percentuale di cera. Provaci inizialmente con metà delle dosi consigliate per vedere cosa te ne viene fuori :-)
    Per quanto riguarda il benzoino considera che già gli antichi egizi lo utilizzavano come ottimo antiossidante per mummificare le loro mummie ed io personalmente lo uso ormai da anni perché le mie creme sono quasi tutte grasse e quindi sino ad ora non ho mai avuto problemi di conservazione. Ovvio che se in una crema c'è almeno l'80% di acqua allora in questo caso vanno utilizzati dei conservanti adeguati, ma finchè si tratta di emulsioni A/O dove la percentuale di acqua è inferiore a quella degli oli allora il benzoino fa il suo dovere in pieno! Lo utilizzo anche nei saponi sia come fissativo delle profumazioni che come antiossidante dei grassi utilizzati ed anche in questo caso non ho mai avuto un sapone rancido. Secondo me l'unica pecca del benzoino è che in alcuni soggetti può provocare irritazioni, ma è soggettivo come per ogni altro ingrediente cosmetico che utilizziamo :-)
    Ciao
    Lalla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mile della gentile risposta, e grazie anche delle informazioni, bene allora direi che so come utilizzare i miei 20 ml di o.e di benzoino, benissimo per i saponi, li faccio anche io, anche se non avevo mai utilizzato il benzoino nel sapone, perché non sapendolo dosare, mi pare soffochi il profumo degli altri o.e, qualche consiglio sulle dosi e sull'abbinamento? Grazie e scusa le troppe domande :) ciao

      Elimina
  36. Per il sapone generalmente io diluisco 5 ml di olio essenziale di benzoino con 15 ml di oli essenziali misti come per esempio gli agrumati che in questo caso, cioè con l'aiuto del benzoino rimangono nel sapone. Altro accostamento stupendo è benzoino, bergamotto e lavanda oppure benzoino e mirra...insomma lo puoi accostare ai tuoi oli preferiti e creare quindi delle profumazioni del tutto personalizzate ed originali :-)
    Lalla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille sei davvero gentile ciao

      Elimina
  37. Ciao a tutte , io nn riesco proprio ad emulsionare mi aiutate? Mi sembra di capire che su queste ricette non ci sono emulsionanti o sbaglio?
    Grazie

    RispondiElimina
  38. Ciao Michela f
    in questa ricetta la lanolina anidra ti aiuta ad incorporare bene la fase acquosa e la cera è comunque un emulsionante, non propriamente inteso, ma è in grado di emulsionare fase grassa ed acqua. Se mi dici come procedi e dove trovi maggiori difficoltà, posso vedere di aiutarti :-)

    RispondiElimina

Lasciate un commento

Licenza CreativeCommons

Licenza Creative Commons
Questa opera di Lalla è concessa in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported.
Basata su un lavoro di impatiens-magicanatura.blogspot.com.
Permessi oltre lo scopo di questa licenza possono essere disponibili presso http://creativecommons.org/.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...