martedì 20 settembre 2011

Aceto Virginale o Latte Virginale contro le macchie scure della pelle

La mia amica Carolina è affranta da un piccolo problema che si porta avanti ormai da anni: Una antiestetica macchia scura sul viso. Ha utilizzato sino ad ora l'acido glicolico, che a mio avviso è piuttosto aggressivo....a lungo andare, infatti, desquama l'epidermide senza dare grandi risultati. Ovviamente io, non potendo stare con le mani in mano, le ho proposto una terapia naturale che viene adoperata ormai da secoli dalle donne: il Latte Virginale o l'Aceto Virginale.
Un tempo, per sentirsi bella, la donna sapeva di dover essere di carnagione chiara, dall'aspetto diafano ed etereo con incarnato pallido. Il nome "Latte Virginale" appare per la prima volta in Francia, durante il Seicento, come cosmetico per dare un colorito bianco alla pelle del viso, come esigeva la moda del tempo. Ma non scordiamoci che anche la bella Cleopatra ne faceva uso! Quindi vediamo un pò da cosa è costituito questo misterioso latte dalle proprietà schiarenti!
Niente di più semplice! Decotto o idrolato puro di foglie di Nocciolo e Benzoino!!!!
Le foglie di Nocciolo sono da sempre conosciute per la peculiare proprietà di schiarire le macchie cutanee, infatti, le nostre nonne utilizzavano il decotto per schiarire quelle macchie, dovute ad un eccesso di melanina, subito dopo la gravidanza. Imbevendo un batuffolo di cotone con tale decotto, lo passavano sulla fronte, sugli zigomi, sul mento; dove praticamente si accumula la melanina durante una gravidanza.
Il Benzoino del Siam, detto anche Benzoino Vaniglia, del quale abbiamo già parlato, è il più usato in cosmesi e profumeria e si presenta sotto forma di lacrime color marrone aranciato; è astringente, depigmentante, antisettico ed è indicato per pelli secche e congestionate, rughe e macchie scure! Contiene benzoato di coniferile (67.75%), acido benzoico, vanillina, acido siaresinolico, benzoato di cinnamile. Si distingue dalla resina di Benzoino di Sumatra che appare, invece, in piccoli agglomerati lucenti, di color grigio-marrone e contiene cinnamato di coniferile (70-80%).
Il resinoide delle due specie suindicate (essenza assoluta di resina) si ottiene per estrazione con solventi (benzene o alcool). Si presenta come una massa fluida viscosa e spesso è costituita dalle due qualità di Benzoino.
LATTE VIRGINALE
- 200 ml di decotto o idrolato di foglie di nocciolo
. 16 gocce di o.e. o resinoide di Benzoino del Siam
- 1 cucchiaino di alcool puro a 95°
Sciogliere le gocce di Benzoino nel cucchiaino d'alcool che avrete messo in una tazzina; mescolate bene per diluire la resina, dopo versate il tutto nella vostra acqua, agitate bene il flacone e l'emulsione vi diventerà bianca come il latte. Non vi è bisogno di alcun conservante, in quanto il Benzoino (lo ripeto) è un eccezionale conservante di natura vegetale, ampiamente usato nei cosmetici biologici e naturali!!!!
Latte Virginale bianco latte

ACETO VIRGINALE
- 50 ml di alcool a 95° (quello per uso alimentare)
- 50 ml di aceto di vino bianco
- una manciata  di Benzoino in lacrime del Siam (per intenderci la resina sfusa che somiglia appunto a delle lacrime)
Versate questi ingredienti in un contenitore di vetro e ben chiuso e lasciate decantare per almeno una settimana. Senza perder tempo a filtrarlo (perchè di volta in volta ve ne servono solo poche gocce ed è meglio che il Benzoino rimanga nel barattolo); si usa come tonico versandone alcune gocce  nell'idrolato di nocciolo, che diventa color latte e gradevolmente profumato. In mancanza di Benzoino in lacrime si può usare il resinoide: 16 gocce per 100 ml di alcool etilico e 100 ml di aceto bianco da aggiungere poi in gocce nella vostra acqua.. Imbevete il vostro solito batuffolo di cotone e strofinatelo delicatamente sulle macchie scure ed in breve tempo vedrete schiarirsi quell'orribile inestetismo che talvolta comporta dei grossi disagi.
Alla mia amica Carolina consiglio il Latte in quanto lei odia l'odore dell'aceto!!!

23 commenti:

  1. Molto interessante!!! Ho appena partorito e non immagini cosa mi sia rimasto sul viso. Ho la carnagione chiara e quindi le orrendi macchie sulla fronte e sugli zigomi sono ancora più evidenti. Il dermatologo mi aveva consigliato appunto l'acido glicolico! Ma questo tuo "prodotto" mi sembra molto più naturale ed accessibile anche alle tasche....sai con la crisi che c'è dobbiamo guardare anche al centesimo. Proverò a farlo e soprattutto ad usarlo. Ti farò sapere
    Gabry

    RispondiElimina
  2. Eh già! I prodotti naturali e made in home non solo sono "salutari" ma sono anche economici e coi tempi che corrono sinceramente dobbiamo stringere un pò la cinghia!!!!

    RispondiElimina
  3. Articolo utilissimo! Sto cercando l'o.e. di benzoino, questo potrebbe andare bene? http://aroma-zone.com/aroma/fichebenjoin.asp
    o serve proprio il "benzoino del siam"?

    RispondiElimina
  4. Ottimo desdemonaxi, è proprio quello il resinoide di benzoino del Siam. Io generalmente lo ricavo da sola dalla resina sfusa....ha un profumo meravigliosoooooooooo

    RispondiElimina
  5. Ahahahah, grazie mille!! Se posso chiedertelo,dove trovi la resina sfusa?

    RispondiElimina
  6. La resina sfusa l'ho trovata in un'antica erboristeria qui a Siena, dove fanno i praparati omeopatici. Comunque se non ho visto male, mi sembra che ci sia anche su Aroma zone nella sezione degli incensi

    RispondiElimina
  7. Hai ragione, eccola! Tu come fai a ricavarci la resina?

    RispondiElimina
  8. http://impatiens-magicanatura.blogspot.com/2011/08/oleolito-di-benzoino.html qui troverai le indicazioni per ricavartela da sola, ma se vuoi procedere il più velocemente possibile ti consiglio di cuocere a bagnomaria olio e resina per lungo tempo finchè la maggior parte di questa non si scioglie nell'olio, poi per qualsiasi dubbio....io sono a disposizione ok?

    RispondiElimina
  9. Va bene, grazie ancora... :) allora ti pongo le mie domande in quella pagina!! :D

    RispondiElimina
  10. come vuoi desdemonaxi...per me non c'è problema...ogni post può essere il luogo giusto per rispondere :-)

    RispondiElimina
  11. Ciao Lalla,

    grazie per il tuo post, volevo chiederti dovrei usare sia il latte che il tonico?
    le foglie di nocciolo posso trovare in erboristeria?
    un saluto
    Brida07

    RispondiElimina
  12. Ciao Brida se utilizzi il latte virginale non hai bisogno di usare il tonico in quanto il latte ha due funzionalità: quella di schiarire le odiose macchie scure sulla pelle e nello stesso tempo funge da ottimo tonico! Quindi, come si suol dire, coglieresti due piccioni con una fava.
    Per quanto riguarda le foglie di nocciolo, io ho la fortuna di ritrovarmi sotto al naso dei bellissimi alberi, ma chi non è fortunato come me può rivolgersi tranquillamente in erboristeria. Spero di esserti stata utile.

    RispondiElimina
  13. Oltre a essere utile ssei gentillissima!!!!!
    grazie mille
    Brida07

    RispondiElimina
  14. Ma figurati Brida, anzi se hai qualsiasi dubbio in merito puoi esprimerlo tranquillamente e cercherò di chiarirlo ok?

    RispondiElimina
  15. ciao lalla,

    sono una novellina negli spignattamenti e volevo chiederti come procedere per fare l'idrolato di foglie di nocciolo.

    grazie

    RispondiElimina
  16. Devi procedere come descrivo qui: http://impatiens-magicanatura.blogspot.it/2011/09/la-distillazione-in-corrente-di-vapore.html?showC

    RispondiElimina
  17. Ciao lalla,
    ho fatto il latte ma non mi è venuto bianco come il tuo, il mio è più giallognelo, forse è una questione di proporzioni. Per il decotto quante foglie e quanta acqua bisogna usare?
    Grazie

    RispondiElimina
  18. Ciao Lorenza
    per il decotto io vado un pò ad occhio.....una manciata di foglie ed acqua abbondante.
    A volte sì viene un pò giallognolo, ma dipende solo dalle foglie e comunque le sue proprietà rimangono sempre uguali.

    RispondiElimina
  19. Grazie lalla, oggi lo rifaccio! La macchia vicino all'occhio si è molto schiarita, io continuo finché sparirà .

    Lorenza

    RispondiElimina
  20. Sono davvero contenta Lorenza :-)
    Un bacione
    Lalla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!Scusami ma non ho capito bene come procedere per il latte virginale. Io ho l'oleoresina di Benzoino fatto con la tua ricetta (fantastico!!!!!!!)
      Prendo 200 ml. di decotto, inserisco 16 gocce di Oleoresina di Benzoino ed 1 cucchiaino di alcool?
      Grazie per la pazienza. Nico

      Elimina
    2. Rieccomi!Scusami per il messaggio precedente,ho riletto bene ed ho capito il procedimento, ma ho ancora dei quesiti: Si può mettere qualche goccia in più di conservante, gocce in 200 ml sono sufficienti per conservare?Inoltre posso mettere qualche essenza per modificare l'odore? Grazie ancora Nico

      Elimina
  21. Puoi arrivare ad un massimo di 20 gocce per 200 ml.
    Per quanto riguarda l'aggiunta delle essenze puoi certamente farlo senza problemi ;-)

    RispondiElimina

Lasciate un commento

Licenza CreativeCommons

Licenza Creative Commons
Questa opera di Lalla è concessa in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported.
Basata su un lavoro di impatiens-magicanatura.blogspot.com.
Permessi oltre lo scopo di questa licenza possono essere disponibili presso http://creativecommons.org/.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...